Berna | 27 Maggio 2020

La Svizzera tiene chiuse le dogane con l’Italia: “Prematura la riapertura il 3 giugno”

Il Governo svizzero ritiene troppo ravvicinata la data indicata dal Parlamento italiano, ma dal 15 giugno riaprono i valichi con Austria, Germania e Francia

Tempo medio di lettura: 2 minuti

Le voci susseguitesi negli scorsi giorni hanno trovato oggi, mercoledì 27 maggio, conferme da parte del Governo svizzero che ha deciso di tenere chiusi i valichi di confine tra Italia e terra elvetica.

Il Consiglio federale, infatti, durante la conferenza stampa a Berna, ritiene prematuro l’allentamento dei confini con l’Italia dal 3 giugno, ma dall’altra parte ha deciso di ripristinare la libertà di viaggio per tutti gli Stati Schengen a partire dal 6 luglio.

Nessuna decisione in merito, invece, per quanto riguarda le dogane italo-svizzere. “L’allenamento avviene a tappe, progressivamente riprendiamo le nostre libertà – ha affermato la consigliera federale Karin Keller-Sutter -. Quella italiana è una decisione che rispettiamo, ma propendiamo – come gli altri Paesi limitrofi – per un’apertura coordinata. Ho concordato con la mia omologa italiana Luciana Lamorgese che rimarremo in contatto e che coordineremo i prossimi passi, informandola inoltre che la Svizzera non riaprirà il 3 giugno”.

In ogni caso a partire dal 15 giugno le frontiere saranno aperte dalla Svizzera verso Austria, Germania e Francia, paesi con i quali i politici elvetici si erano già coordinati da settimane e l’evoluzione sanitaria “positiva” ha permesso di tenere fede alle aspettative di questi paesi.

In vista dell’estate, però, sono possibili i controlli sanitari al confine tra Italia e Svizzera, come misurazione della temperatura, certificati sanitari e ipotetici periodo di quarantena. Dal Governo di Berna, però, l’indicazione ai cittadini è quella di non viaggiare in Italia fino a quando i confini sono chiusi.

Infine, tra le altre decisioni prese dal Consiglio federale, dal 6 giugno arriva l’ok per le manifestazioni pubbliche e private fino a 300 persone, gli assembramenti fino a 30 persone e potranno riaprire tutte le strutture turistiche e per il tempo libero. Sempre dal 6 giugno decade il divieto di accogliere gruppi con più di 4 persone al ristorante e sarà possibile tornare a suonare musica dal vivo. Tutti i locali, comprese le discoteche, dovranno chiudere entro mezzanotte, tenendo un elenco delle presenze, e potranno consentire al massimo 300 ingressi per sera.

Vuoi lasciare un commento? | 0

Lascia un commento

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127