Luino | 17 Maggio 2020

Lungolago di Luino, l’acqua insidia la “casa di Pierina”. La salvano i soccorritori

Le guardie ittico-venatorie, i volontari della Protezione civile e gli agenti della Polizia Locale sono intervenuti per rendere più sicuro il nido del famoso cigno

Tempo medio di lettura: < 1 minuto

A “Pierina” il basso livello dell’acqua del lago Maggiore a Luino, nelle scorse settimane, sembrava ottimo per posizionare il proprio nido in attesa dei suoi piccoli, incastrando rami secchi, giunchi e arbusti vari, in acque basse, calme e stabili nelle vicinanze del Porto Lido.

Purtroppo, però, non tutta sempre va come previsto e le piogge intense di questi ultimi giorni hanno messo in pericolo la casa della famosa cigno del paese lacustre. L’acqua del lago, infatti, stava raggiungendo proprio il nido realizzato per covare le uova in tutta tranquillità, e per questa ragione qualcuno, osservando la situazione del nido nella giornata di ieri, ha lanciato l’allarme per la loro salvaguardia.

E così ieri pomeriggio, sabato 17 maggio, sul lungolago sono intervenuti le guardie ittico-venatorie della provincia di Varese, i volontari della Protezione civile e gli agenti della Polizia locale di Luino che hanno posizionato sacchi di sabbia intorno al nido per salvaguardare questa meravigliosa pagina da manuale naturalistico.

Una bella soddisfazione per tutti i volontari, salutata con grande emozione e gratitudine da parte di tanti utenti luinesi sui social network, dove sono stati tanti i messaggi e i commenti lasciati per ringraziare tutti gli operatori intervenuti.

Vuoi lasciare un commento? | 0

Lascia un commento

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127