EMERGENZA CORONAVIRUS (ATTIVITÀ APERTE E CONSEGNE A DOMICILIO ) Segnalaci la tua attività Guarda tutte le attività
Alto Varesotto | 19 Marzo 2020

Dalla Valceresio alla Valcuvia, altri due casi di Coronavirus

Due persone, tra Arcisate e Azzio, sono risultate positive al test del Covid-19. Gli annunci ufficiali dei sindaci Davide Vincenti e Gianluca Cavalluzzi. "State a casa"

Tempo medio di lettura: 2 minuti

Dopo i casi di Porto Valtravaglia, Cadegliano Viconago, Lavena Ponte Tresa ed Arcisate, ieri sono stati registrati altri due casi nell’alto Varesotto, nei Comuni di Arcisate, dove i contagiati al Coronavirus salgono così a 8, e ad Azzio, piccolo paese della Valcuvia, dove il sindaco Davide Vincenti ha annunciato il primo caso.

“Vi comunico – ha scritto Vincenti nella missiva indirizzata alla sua popolazione – che in data odierna (ieri, mercoledì 18 marzo, ndr) sono stato informato dalle Autorità sanitarie, attraverso Prefettura di Varese, della presenza nel nostro Comune di una persona residente risultata positiva al test del COVID-19 (Coronavirus).  Come è logico non verranno divulgati i suoi dati personali”.

“”Le autorità sanitarie hanno attivato immediatamente tutti i protocolli medici e le procedure utili alla tutela della persona, dei suoi familiari e chi potrebbe avere avuto contatti con la stessa. Il Comune interverrà, se necessario, con la dovuta discrezione, fornendo tutto il supporlo”.

Invio dunque gli auguri di pronta guarigione, miei personali e di tutta la comunità, alla persona che oggi si trova ad affrontare questa situazione – va avanti il primo cittadino -, certo che supereremo questo momento critico e ne usciremo migliori come persone e più forti come comunità.  Chiedo a tutti di agire nella consapevolezza che stiamo vivendo un momento particolarmente delicato, evitando di creare allarmismi che rischiano di essere controproducenti.

“Rinnovo l’invito a tutta la popolazione di attenersi scrupolosamente a quanto previsto dai vari DPCM succedutisi fino a oggi in merito all’emergenza COVID-19, comprese le linee guida del Ministero della salute a tutela di tutti e in particolar modo le categorie più deboli”, conclude Vincenti.

Allo stesso modo, per l’ottava volta, il sindaco di Arcisate, Gianluca Cavalluzzi, ieri sera, tramite una diretta Facebook sulla Pagina “Noi, Voi, Arcisate”, ha annunciato un altro concittadino risultato contagiato. “Si tratta di un concittadino ricoverato in rianimazione le cui condizioni sono serie ma stabili – spiega Cavalluzzi -. I pazienti positivi sono diventati dunque otto. Per quanto riguarda gli altri sette la loro situazione è la medesima di ieri con qualche piccolo cenno di miglioramento per uno di loro che è ricoverato da una decina di giorni. Molti mi chiedono se conosco i nominativi delle persone in quarantena. Purtroppo non di tutte perché è un dato che non mi viene fornito. Conosco solo i nomi dei famigliari che sento tutti i giorni. Da questo punto di vista, però, stiamo tranquilli perché è certo che non si muovono di casa e sono costantemente monitorati da ATS”.

“Ora, torno a ribadire: state a casa, uscite il meno possibile – avverte ancora il primo cittadino -. Sono davvero stanco ma non stanco fisicamente o psicologicamente. Sono abituato a lavorare sotto stress. Sono stanco di continuare a fare queste raccomandazioni e poi vedere code fuori dalle banche, code fuori dai supermercati. Mi stanno bene le passeggiate, ma non sopporto i capannelli di persone che chiacchierano. Oggi, addirittura, a Brenno e ad Arcisate, mi hanno segnalato ragazzini che pascolavano in gruppo. Saranno identificati (qualcuno lo conosco personalmente) e domani passerò tutto il giorno a rintracciare i genitori. Poi sentirò il Prefetto e passeremo alle denunce. E badate bene parliamo di denunce penali. D’ora in poi, mi spiace, userò le maniere forti. Non tollererò più certi atteggiamenti. Se vogliamo vincere questa guerra dobbiamo fare questo piccolo sacrificio”.

Malgrado la mia arrabbiatura, mi sento in dovere di ringraziare ancora una volta gli instancabili ragazzi della Protezione Civile e anche tutti i componenti del gruppo di maggioranza che mi supportano ogni giorno. E poi tutti i cittadini che si rendono disponibili per darci un concreto aiuto”, conclude Cavalluzzi.

Cari Arcisatesi, anche oggi, mercoledì 18 marzo, vi devo purtroppo segnalare un nuovo caso d “coronavirus”. Si tratta di un concittadino ricoverato in rianimazione le cui condizioni sono serie ma stabili. I pazienti positivi sono diventati dunque otto. Per quanto riguarda gli altri sette. La loro situazione è la medesima di ieri con qualche piccolo cenno di miglioramento per uno di loro che è ricoverato da una decina di giorni. Molti mi chiedono se conosco i nominativi delle persone in quarantena. Purtroppo non di tutte perché è un dato che non mi viene fornito. Conosco solo i nomi dei famigliari che sento tutti i giorni. Da questo punto di vista, però, stiamo tranquilli perché è certo che non si muovono di casa e sono costantemente monitorati da ATS. Ora, TORNO A RIBADIRE, STATE A CASA.USCITE IL MENO POSSIBILE. Sono davvero stanco ma non stanco fisicamente o psicologicamente. Sono abituato a lavorare sotto stress. Sono stanco di continuare a fare queste raccomandazioni e poi vedere code fuori dalle Banche, code fuori dai supermercati. MI STANNO BENE LE PASSEGGIATE, MA NON SOPPORTO I CAPANNELLI DI PERSONE CHE CHIACCHIERANO. Oggi, addirittura, a Brenno e ad Arcisate, mi hanno segnalato gruppi di ragazzini che pascolavano in gruppo. Saranno identificati (qualcuno lo conosco personalmente) e domani passerò tutto il giorno a rintracciare i genitori. Poi sentirò il Prefetto e passeremo alle denunce. E badate bene parliamo di denunce penali.D’ora in poi, mi spiace, userò le maniere forti. NON TOLLERERO’ PIU’ CERTI ATTEGGIAMENTI. SE VOGLIAMO VINCERE QUESTA GUERRA DOBBIAMO FARE QUESTO PICCOLO SACRIFICIO. Malgrado la mia arrabbiatura, mi sento in dovere di ringraziare ancora una volta gli instancabili ragazzi della Protezione Civile e anche tutti i componenti del gruppo di maggioranza che mi supportano ogni giorno. E poi tutti i cittadini che si rendono disponibili per darci un concreto aiuto.#FORZAARCISATE

Gepostet von NOI, VOI, ARCISATE am Mittwoch, 18. März 2020

Vuoi lasciare un commento? | 0

Lascia un commento

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127