EMERGENZA CORONAVIRUS (ATTIVITÀ APERTE E CONSEGNE A DOMICILIO ) Segnalaci la tua attività Guarda tutte le attività
Luino | 7 Marzo 2020

Luino, furto di due bonsai di grande valore botanico: “Anni di sacrifici buttati via in tre minuti”

Un uomo ha portato via un'azalea ed un olmo giapponese, da casa del grande appassionato Mario Pavone, al Villaggio Menotti. "Condividete il mio appello"

Tempo medio di lettura: 2 minuti

Un furto è avvenuto, intorno alle 22.30, giovedì sera, in un’abitazione di Villaggio Menotti,a Luino, dove l’appassionato di bonsai, Mario Pavone, ha una vera e propria oasi, della quale abbiamo parlato qualche tempo fa, dove vi sono decine di affascinanti piante millenarie che cura con minuziosa attenzione e professionalità.

Un uomo, però, probabilmente attratto da questi bonsai, come si è appreso dalle immagini della video-sorvegianza, prima ha parcheggiato la sua auto nella stradina in sterrato adiacente alla villa, e poi ha scavalcato la recinzione e preso di mira i bonsai: prima ha preso un pino che, a causa del peso elevato, gli è caduto a terra, e poi ha puntato un’azalea ed un olmo giapponese, che è riuscito a portare via. Due piante dal grande valore sociale, botanico e affettivo.

“Sicuramente chi ha rubato le mie piante non ha tenuto minimamente conto di tutti gli anni di sacrifici fatti sia per acquistarle sia per mantenerle, a discapito di tutta la famiglia che ha fatto sacrifici enormi per permettermi di fare ciò che mi piace – scrive su Facebook Mario Pavone -. Anni di vacanze mai fatte, anni di scelte o questo o quello, anni dove le piante erano al primo posto, facendo ombra a volte alle esigenze di tutti, che venivano messe in secondo piano, sempre per permettermi di essere felice con il mio hobby”.

Mi sento completamente vuoto e svuotato – continua Mario -. La persona che le ha rubate ha impiegato 3-4 minuti per portarle via, non valutando però che con loro ha portato via anche anni e anni di sacrifici di tante persone che la mattina vanno a lavorare per portare a casa uno straccio di stipendio, portandosi via anche le speranze di aver fatto sacrifici per una buona causa. Caro ladro spero che queste piante ti possano servire a stare un po’ meglio, anche perché a noi tutti ci hai messo in ginocchio. Pochi minuti per rubarle, e adesso molti anni per riprendersi”.

Nel frattempo, dopo la denuncia effettuata ai carabinieri della Compagnia di Luino, che hanno avviato le indagini, gli appelli pubblicati da Mario Pavone su Facebook sono stati condivisi centinaia e centinaia di volte, a dimostrazione dell’affetto di tutta la comunità lacustre, dove l’appassionato dovrebbe organizzare un meeting, nel mese di giugno, portando sul lago esperti di bonsai a livello internazionale.

Vuoi lasciare un commento? | 0

Lascia un commento

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127