Alto Varesotto | 5 Marzo 2020

Alto Varesotto, un altro weekend senza calcio: sì agli allenamenti ma in presenza del medico

Restano sospesi tutti i campionati locali, mentre le società sono invitate ad effettuare controlli, tra i giocatori e dirigenti, durante le attività a porte chiuse

Tempo medio di lettura: < 1 minuto

Sarà un altro weekend senza calcio, quello in arrivo, per gli atleti delle società del territorio e per tutti gli appassionati e i seguaci dei campionati locali.

Nel decreto firmato dal premier Giuseppe Conte, che ufficializza la proroga delle misure di contrasto alla diffusione del coronavirus, per altri sette giorni, è infatti incluso anche il capitolo dedicato alle manifestazioni sportive, e dunque anche agli impegni delle squadre dell’alto Varesotto, nuovamente congelati dopo lo stop forzato della scorsa settimana.

Come avevamo già riportato, le sedute di allenamento sono comunque consentite, purché si svolgano a porte chiuse, senza presenza di pubblico. Ma per il ritorno in campo, e dunque al calcio giocato, occorrerà attendere i dati che, a partire da lunedì, consentiranno ad istituzioni e medici di ragionare sull’impatto del Covid-19 a conclusione del periodo di incubazione (identificato con un massimo di quattordici giorni).

Per quanto concerne gli allenamenti, c’è poi una raccomandazione specifica, indirizzata a tutte le società sportive, come si apprende da un passaggio del dpcm (decreto del presidente del consiglio dei ministri): “A mezzo del proprio personale medico, sono tenute (le società, ndr) ad effettuare i controlli idonei a contenere il rischio di diffusione del virus Covid-19 tra gli atleti, i tecnici, i dirigenti e tutti gli accompagnatori che vi partecipano”. (Foto di copertina © Massimo Morosi)

Vuoi lasciare un commento? | 0

Lascia un commento

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127