Luino | 10 Febbraio 2020

Gli attivisti luinesi M5S in visita ad Arona, nella casa della navigazione “green”

Il gruppo, in compagnia del deputato Niccolò Invidia, ha osservato da vicino i cantieri dove si lavora alla conversione dei mezzi. "Serve più unione tra amministratori"

Tempo medio di lettura: 2 minuti

Venerdì scorso il deputato Niccolò Invidia, accompagnato da alcuni attivisti luinesi del M5S, ha incontrato ad Arona il direttore di esercizio della Navigazione Lago Maggiore, Gian Luca Mantegazza.

L’incontro presso il quartier generale dell’ente è servito al gruppo grillino per completare una visione sul futuro turistico nell’area a nord del Verbano. “Ogni volta che abbiamo il piacere di confrontarci con l’ingegnere, non possiamo che constatare la sua precisione e concretezza nella direzione, nonché la grande passione che traspare dall’enfasi posta sui temi trattati“, ha affermato il deputato Invidia a margine della visita, durante la quale il gruppo ha preso nota del pieno ritmo con cui proseguono le opere di completamento della nave Topazio, il primo natante ibrido, da duecento posti, che solcherà le acque del Maggiore, come raccontato negli scorsi giorni.

Decine gli operatori impiegati, al lavoro contemporaneamente in varie zone, mentre un’altra imbarcazione attende di essere convertita in modello “green”, il traghetto San Cristoforo, che sarà pronto in modalità sperimentale entro la fine di maggio, stando a quanto hanno appreso i pentastellati durante il confronto con il direttore.

Sarà un test importante – ha sottolineato Mantegazza – e se tutto andrà per il verso giusto e i risultati tecnici saranno soddisfacenti, il traghetto tornerà in cantiere per il secondo step, quelli di affinamento strutturale ed estetico”.

Vorremmo che la Navigazione Lago Maggiore venisse più spesso ingaggiata dai comuni del nord Verbano – hanno riferito i pentastellati luinesi – la flotta a disposizione degli utenti piò soddisfare qualsiasi esigenza e vanta il Piroscafo Piemonte come fiore all’occhiello. Una sinergia tra i comuni piemontesi e lombardi potrebbe dar vita a varie iniziative dedicate a spingere il turismo e a soddisfare gli amanti del nostro lago“.

E’ ancora tutta da contestualizzare – nell’ottica grillina – l’opportunità fornita alle amministrazioni – piemontesi, lombarde e ticinesi – di collaborare in funzione del turismo locale e della posizione strategica del territorio. Una collaborazione che gli attivisti, fino a questo momento, hanno sempre trovato assente.

“Nel 2018 avevamo promosso un progetto di trasporto sulle acque, “Via Lago”, rispetto al quale i sindaci del territorio, dopo l’entusiasmo iniziale di Andrea Pellicini e Fabio Passera, si erano progressivamente defilati, lasciando soli gli ideatori in compagnia dei sindaci di Cannero e Cannobio. Maccagno, negando all’ultimo momento approdo e collaborazione; Luino, privandoci di un supporto e di qualsiasi punto di incontro. Una visione condivisa dagli attorni del territorio dovrà essere la chiave di svolta – hanno sottolineato in conclusione gli attivisti – nella speranza che le battaglie individuali vengano messe da parte”.

Vuoi lasciare un commento? | 0

Lascia un commento

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127