Germignaga | 25 Gennaio 2020

A Germignaga chiude il Circolo ACLI, gli anziani: “Non abbiamo più un punto di riferimento”

Dal primo gennaio i locali di via Matteotti hanno chiuso le porte. Don Marco: "Quella di Germignaga una realtà che si è allontanata dai valori espressi dalle ACLI"

Tempo medio di lettura: 2 minuti

Dallo scorso primo gennaio le porte dell’ex Circolo ACLI di Germignaga sono chiuse e sono tanti i soci e iscritti, soprattutto anziani pensionati, rimasti senza un posto in cui trascorrere i loro pomeriggi, tra una chiacchiera, una partita a carte ed un “bianco sporco”.

Si tratta di un edificio a due passi dal centro storico e dal lago, in via Matteotti, una sede storica nata oltre settant’anni fa e che in tutti questi anni ha ospitato incontri, riunioni e comizi, soprattutto nel secondo dopoguerra. Oggi sembra un mondo lontano dal tempo, ma negli occhi di qualcuno di questi signori la malinconia pare evidente.

“Non possiamo più frequentare un punto di riferimento per tutti noi – si legge in una lettera in cui vengono citati oltre centosettanta tesserati -, non possiamo neanche rinnovare la tessera di appartenenza all’ACLI. Perché si è voluto, da parte della istituzione provinciale, arrivare alla drastica chiusura del Circolo, con decisione senza appello? Perché non si è voluto superare le difficoltà di gestione, anziché accompagnare la stessa per il loro superamento al fine di dare continuità ad una istituzione da lunghissimi anni operante nella nostra città? E infine, perché è stata respinta dal parroco (don Marco, titolare ‘pro tempore’ della proprietà dell’immobile, ndr) l’offerta avanzata da molti vecchi soci del precedente circolo di costituire una nuova associazione avente gli stessi valori e gli stessi scopi sociali della precedente?”.

L’intento dei soci, però, a detta loro, non è quello di polemizzare, ma di manifestare un commosso senso di dispiacere. Si tratta di una situazione nota all’amministrazione comunale, che ha provato a trovare una soluzione inserendosi in un ruolo di mediazione, ma per il momento non pare vi siano spiragli ulteriori di apertura da Varese. Fa effetto, infatti, che un’istituzione con una storia importante come quella dell’ACLI abbia chiuso le porte ad una realtà longeva e ricca di cultura come quella germignaghese.

Laconico, però, il commento di don Marco Mindrone, figura di riferimento della parrocchia di Germignaga e Bedero: “Gli iscritti hanno ricevuto una lettera con tutti i dettagli e conoscono i motivi che hanno condotto l’ACLI provinciale a chiudere il Circolo. È stata una decisione presa dopo un processo durato un lungo periodo e che ha visto questa realtà allontanarsi dai valori espressi dalle ACLI. Più che altro, penso che dovrebbero essere gli iscritti e i soci a chiedersi cosa abbiano fatto per spingere l’ACLI di Varese ad una decisione così drastica”.

Vuoi lasciare un commento? | 0

Lascia un commento

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127