EMERGENZA CORONAVIRUS (ATTIVITÀ APERTE E CONSEGNE A DOMICILIO ) Segnalaci la tua attività Guarda tutte le attività
Saltrio | 11 Dicembre 2019

“Salviamo Saltrio dal nuovo assurdo PGT”, la richiesta di Legambiente Valceresio

L'associazione ambientalista ha diramato un comunicato stampa in merito al nuovo PGT del Comune, richiedendo la riapertura della VAS

Tempo medio di lettura: 3 minuti

Legambiente Valceresio ha rilasciato oggi un comunicato stampa dedicato al tema del nuovo PGT del Comune di Saltrio, sottolineando con forza le motivazioni legate alla propria contrarietà alle azioni previste sul territorio.

L’associazione ambientalista richiede una riapertura della VAS, Valutazione Ambientale Strategica, e la revisione radicale del piano, che risulterebbe essere in netto contrasto con azioni volte a tutelare l’ambiente e il territorio del Comune.

Già inizialmente la Provincia di Varese ha evidenziato gravi carenze di valutazione e scelte incompatibili con la tutela del suolo e del paesaggio, e secondo Legambiente Valceresio, le modifiche introdotte in seguito sono troppo lievi e non hanno cambiato il quadro sostanziale del piano.

Di seguito il comunicato stampa completo di Legambiente Valceresio:

Salviamo il territorio, la bellezza ed il suolo di Saltrio dal nuovo assurdo PGT.

Il comune di Saltrio fa parte del “SITO UNESCO MONTE SAN GIORGIO 2010”ed è un’area preziosa e da tutelare. In passato ed oggi, la Cava insistente sul monte Oro ha già pesantemente modificato gli aspetti tipici del paesaggio saltriese, perciò l’alterazione dell’ultima area verde unitaria del comune, ricca di emergenze naturalistiche e faunistiche documentabili, va attentamente valutata anche dalla soprintendenza regionale che verrà chiamata nuovamente in causa.

Ora nel sedime comunale rimane una sola area verde omogenea di circa 8 ettari sui quali insistono due edifici in condizioni di semi-abbandono per complessivi 4600 metri quadrati. L’area in questione è l’ultima con continuità di caratteristiche naturali rimasta nel comune ed è di pregio paesistico e naturalistico o di possibile uso agricolo-compatibile per cui andrebbe gelosamente preservata.

Sulla stessa area il nuovo PGT, con il pretesto del recupero (seppur auspicabile), prevede una crescita di ulteriori circa 20 mila metri quadri di nuova edificazione, a nostro parere incompatibile con la fragilità e il consumo del territorio che ne verrebbe irrimediabilmente compromesso.

Un atto da evitare, in contrasto con le disposizioni di legge regionali che impongono il risparmio di suolo vergine, soprattutto, visti i recenti accadimenti, il consumo di suolo deve essere pari a zero, per non pregiudicare il futuro della terra e delle generazioni future.

Di fatto, partendo dalla fotografia attuale, rispetto all’esistente urbanizzazione si andrebbero ad insediare cementificazioni pari circa a 160 nuovi appartamenti di 100 mq l’uno con un aumento di popolazione prevista di 300/500 nuovi abitanti. Il recupero di edifici dismessi non può in alcun modo giustificare tale aumento di cemento e di insediamenti abitativi, anche perché, come affermato nelle osservazioni portate dalla Provincia alla VAS, non si ravvisa una pressione abitativa che giustifichi tale bisogno residenziale dei cittadini.

Sempre secondo la Provincia le aree compensative, restituite a scacchi, per la loro discontinuità e frammentarietà non garantiscono lo stesso valore naturalistico, né la possibilità di uso agricolo, di fruibilità ambientale e di insediamento della flora e fauna spontanea.

Le lievi modifiche apportate dopo le osservazioni della Provincia in sede di VAS ed enunciate nella presentazione dal Comune, a nostro avviso, non hanno per nulla mutato il quadro in modo sostanziale. L’operazione definita “di recupero” in realtà si prospetta come una mera speculazione che non va a vantaggio della cittadinanza, ma di pochi finanziatori e investitori.

Alle motivazioni contrarie si aggiunge la mancanza di un’infrastrutturazione adeguata, ad esempio una già insufficiente depurazione delle acque attuale che impone come conseguenza di evitare ogni nuovo aggravio di scarichi inammissibili, tanto più che il comune si situa in zona carsica e delicata con frequenti problemi in caso di siccità o di precipitazioni eccezionali.

Per questo LEGAMBIENTE VALCERESIO chiede la riapertura della VAS e la revisione radicale di un PGT che ci pare tutto fuorché una tutela per l’ambiente, che verrebbe compromesso irrimediabilmente, autorizzando l’alienazione di un patrimonio comune a vantaggio di pochi, per un’operazione dalla quale la popolazione di Saltrio non trarrebbe alcun beneficio.

Vuoi lasciare un commento? | 0

Lascia un commento

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127