Varese | 21 Novembre 2019

Report rifiuti in provincia di Varese, migliora la raccolta differenziata. Grantola sempre al top

In occasione della Settimana Europea per la Riduzione dei Rifiuti ieri a Villa Recalcati la presentazione dei dati. Alti e bassi per i Comuni dell'alto Varesotto

Tempo medio di lettura: 4 minuti

Come ogni anno, la Provincia di Varese ha presentato ieri, mercoledì 20 novembre, attraverso il report dell’Osservatorio Provinciale dei Rifiuti, la situazione sul sistema provinciale di gestione dei rifiuti che, sulla base dei dati più recenti ovvero del 2018, ha interessanti caratteristiche.

In primo luogo, la produzione totale di rifiuti urbani è in crescita: il quantitativo pro-capite 2018 di rifiuto urbano totale si attesta a 475 kg/ab per anno, in crescita del 2% rispetto all’anno precedente, mentre la produzione dei rifiuti totale 2018 supera di poco le 423.000 tonnellate (423.215 t), in incremento del 2% sul 2017. Dopo 4 anni di rilevante decrescita (2009-2012) e la stabilizzazione registrata nel 2013, dal 2014 la produzione rifiuti presenta un andamento altalenante, con segnali di ripresa del 2018 sul 2017.

Ben 480mila abitanti producono annualmente meno di 100 kg di rifiuti indifferenziati: otto Comuni hanno prodotto meno di 50 kg/ab di rifiuto indifferenziato, 92 invece ne hanno prodotti meno di 100 kg/ab., in ordine crescente di produzione troviamo: Bregano, Ranco, Bardello, Malgesso, Mercallo, Monvalle, Taino, Leggiuno, Vergiate, Caronno Pertusella, Gemonio, Besozzo, Brebbia, Cocquio-Trevisago, Ispra, Saltrio, Grantola, Orino, Caravate, Arsago Seprio, Somma Lombardo, Cassano Magnago, Biandronno, Gavirate, Castelseprio, Lonate Ceppino, Travedona-Monate, Luvinate, Masciago Primo, Ferno, Castello Cabiaglio, Malnate, Azzio, Clivio, Sesto Calende, Ferrera di Varese, Cardano al Campo, Comerio, Brenta, Arcisate, Tradate, Brinzio, Cislago, Caronno Varesino, Angera, Mesenzana, Golasecca, Uboldo, Cassano Valcuvia, Comabbio, Fagnano Olona, Cittiglio, Cairate, Gorla Maggiore, Varano Borghi, Saronno, Gornate-Olona, Osmate, Lozza, Daverio, Inarzo, Casale Litta, Morazzone, Cavaria con Premezzo, Sumirago, Buguggiate, Jerago con Orago, Vedano Olona, Castronno, Mornago, Albizzate, Solbiate Arno, Galliate Lombardo, Brunello, Crosio della Valle, Oggiona con Santo Stefano, Besnate, Bodio Lomnago, Marnate, Castiglione Olona, Venegono Inferiore, Carnago, Viggiù, Cazzago Brabbia, Gazzada Schianno, Cuveglio, Azzate, Cadrezzate, Venegono Superiore, Germignaga, Agra, Dumenza.

La produzione media provinciale di rifiuti indifferenziati è di 110 kg/ab all’anno e rispetto al 2017 rimane pressoché stabile (+0,17%);

La raccolta differenziata è in costante crescita. Dopo le molteplici iniziative messe in atto nel 2011 e 2012, per conseguire il 65% di raccolta differenziata e la stabilizzazione dei risultati conseguiti nel 2013, dal 2014-15 e soprattutto nel 2016 il rinnovo dei sistemi di raccolta ha ripreso la spinta propulsiva. Grazie ad un’applicazione efficace dei criteri introdotti dalle Linee Guida provinciali nel rinnovo degli appalti per la gestione rifiuti la percentuale di rifiuto differenziato mantiene il trend costantemente in crescita che nel 2018 raggiunge e supera quota 76%, portandosi al 76,3%, dal 75,5% del 2017;

Quattro i Comuni che superano il 90% di raccolta differenziata: Ranco, Bardello, Mercallo, Vergiate. Altri 50 Comuni si collocano tra il 90 e l’80% di raccolta differenziata: prevalentemente Comuni della Convenzione Intercomunale di Sesto Calende e dei Comuni a Tariffa puntuale (Caronno Pertusella, Malnate, Cassano Magnago) o con contenitore dotato di TAG RFID (Castelseprio, Lonate Ceppino, Caronno Varesino), oltre a qualche comune delle Valli del Verbano ed ai comuni del nord est di Arcisate e Saltrio.

Solo 23.000 abitanti della provincia di Varese stanno al di sotto del 65% di RD: Maccagno con Pino e Veddasca (65,9%), Besano (64,5%), Gorla Minore, Duno (63,7%), Gorla Maggiore, Marzio (61,3%), Valganna (60,8%), Cadegliano-Viconago (59,8%), Bedero Valcuvia (56,6%). Ben 48 Comuni hanno introdotto sistemi di misurazione e controllo nella raccolta dei rifiuti indifferenziati, con un aumento significativo della quota di Comuni che intercettano l’indifferenziato ogni 15 giorni. A livello regionale la Provincia di Varese si colloca al 4° posto, dopo le province di Mantova, Cremona, Brescia.

Nell’Ambito Valli del Verbano e del Piambello al top rimane Grantola, con l’86,7%, e a seguire ci sono Caravate, Orino, Saltrio, Arcisate, Castello Cabiaglio (84,3%), Masciago Primo (84%), Azzio, Brenta (82,9%), Ferrera di Varese (82,7%), Mesenzana (82,6%), Agra (82,1%), Brinzio (82,1%), Clivio, Cittiglio (80,1%), Cassano Valcuvia (80%), Viggiù, Germignaga (79,6%), Cuveglio (79,5%), Cugliate Fabiasco (79,5%), Cunardo (79,4%), Induno Olona, Dumenza (77,9%), Rancio Valcuvia (77,8%), Casalzuigno (77,4%), Laveno Mombello (77,3%), Cuasso al Monte (76,6%), Tronzano Lago Maggiore (76,5%), Cantello, Brissago Valtravaglia (72,8%), Luino (72%), Bisuschio, Sangiano, Castelveccana (71,2%), Porto Valtravaglia (70,6%), Lavena Ponte Tresa (69,5%), Marchirolo (68,8%), Brusimpiano (67,4%), Cremenaga (67,2%).

Al fine di favorire un miglioramento continuo dei predetti risultati, la Provincia di Varese, oltre a supportare e a collaborare con i Comuni attraverso l’Osservatorio Provinciale dei Rifiuti, organizza come ogni anno, in occasione della Settimana Europea di Riduzione dei Rifiuti una serie di iniziative per diffondere tra la cittadinanza una maggiore consapevolezza e sensibilità sul tema, nonché l’adozione di buone pratiche concrete di riduzione e corretta raccolta dei rifiuti.

Si tratta di iniziative organizzate in collaborazione con diversi soggetti del territorio come l’Università degli Studi dell’Insubria, il Liceo Artistico Candiani – Bausch di Busto Arsizio, Agenda 21 Laghi, CAST, LCOY Italia, Climate Reality Project, i partner e le scuole del progetto Green School: una rete lombarda per lo sviluppo sostenibile, nonché con la rete delle “Famiglie Sballate” già attive, che spaziano da convegni tematici, al lancio di progetti più articolati che avranno una continuità nel tempo oltre il periodo della SERR.

Tanti gli eventi e le iniziative organizzate, tra cui il Convegno “Rifiuti, clima e sostenibilità: è tempo di agire” (21.11.2019 – Varese – ore 15.00 – Uninsubria – Aula Magna), il Seminario “Buone pratiche di rifiuti dei rifiuti: non solo durante la SERR!” (23.11.2019 – Busto Arsizio – ore 10.00 – Liceo Artistico Candiani-Bausch – Aula Magna), “RI COME”, mostra itinerante sulla riduzione dei rifiuti e sulla sostenibilità ambientale, “FAMIGLIE SBALLATE”, progetto dell’Osservatorio Provinciale dei Rifiuti, Video contest Green School for SERR2019 (dal 16 al 23 novembre – online).

Non va infine dimenticato che il tema dei rifiuti è uno dei pilastri principali su cui la rete delle oltre duecento Green School attive lavora annualmente, migliorando concretamente la raccolta differenziata e adottando l’uso di borracce, la riduzione degli sprechi alimentari e dell’uso della plastica usa e getta a mensa, la merenda senza imballaggio, ecc.

TUTTI I DATI NEL DETTAGLIO COMUNE PER COMUNE.

Vuoi lasciare un commento? | 0

Lascia un commento

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127