Ponte Tresa | 18 Ottobre 2019

Israeliani fermati alla dogana di Ponte Tresa con 180mila euro, ingente sequestro

Importante operazione della Guardia di Finanza di Luino e dell’Agenzia delle Dogane. L'auto era stata noleggiata in Italia, i quatto uomini diretti a Malpensa

I militari della Compagnia della Guardia di Finanza di Luino, unitamente ai funzionari dell’Agenzia delle Dogane, nell’ambito dell’attività di monitoraggio e vigilanza sulla circolazione transfrontaliera di valuta, hanno sottoposto a controllo presso il valico stradale di Ponte Tresa un’autovettura di grossa cilindrata presa a noleggio con targa italiana a bordo della quale viaggiavano quattro cittadini di nazionalità israeliana, provenienti dalla Svizzera e diretti all’aeroporto di Malpensa per imbarcarsi su un volo e fare rientro in madrepatria.

Le Fiamme Gialle, insospettite dall’inconsueto nervosismo del transitante alla guida e dalle risposte evasive e poco verosimili circa i motivi del viaggio, hanno deciso di procedere ad una più accurata ispezione dell’autovettura e dei loro bagagli. All’esito dell’approfondito controllo esperito anche sui viaggiatori all’interno degli uffici doganali, sono stati rinvenuti, all’interno del portafogli di uno dei transitanti, dollari americani, euro, franchi svizzeri e shekel istraeliani, tutti in contanti, nonché assegni parificabili a titoli al portatore, per un totale complessivo di circa 180mila euro.

Tenuto conto dell’entità della somma detenuta e dall’assenza di qualsivoglia dichiarazione valutaria, attestante di portare a seguito denaro contante di importo pari o superiori a 10.000 euro, si è proceduto, in toto, al sequestro dell’ingente somma.

Alla luce del servizio svolto, assume sempre maggiore rilievo il monitoraggio dei movimenti transfrontalieri di valuta che, come spesso accade, offre proficui spunti investigativi per l’avvio di più penetranti approfondimenti anche di natura economica finanziaria.

Ad oggi, infatti, i controlli dalle Fiamme Gialle del Comando Provinciale di Varese presso i confini terrestri con la Confederazione elvetica e l’aeroporto di Malpensa sono stati, a partire dal 1° gennaio del corrente anno, circa 2.400, consentendo di intercettare valuta e titoli al portatore per un valore di oltre 23 milioni di euro.

Vuoi lasciare un commento? | 0

Lascia un commento

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127