Milano | 4 Ottobre 2019

Monte San Giorgio: da Regione 1,6 milioni di euro per il museo diffuso transfrontaliero

La Commissione europea approva la proposta di riprogrammazione Interreg. Sbloccati in totale 10,6 milioni di euro per valorizzare il patrimonio

Besano, il Monte San Giorgio in cima alla lista dei siti Unesco regionali

La Commissione europea ha approvato la proposta di modifica del Programma di cooperazione Interreg V-A Italia-Svizzera avanzata dal Comitato di Sorveglianza lo scorso 24 gennaio, che prevede lo spostamento di oltre 10,6 milioni di euro dall’Asse 5 “Rafforzamento della governance transfrontaliera” all’Asse 2 “Valorizzazione del Patrimonio naturale e culturale“, al fine di poter finanziare gli otto progetti dichiarati ammissibili ma non finanziati per carenza di risorse.

“La modifica del programma di cooperazione è motivata dalla necessità di sostenere l’Asse 2, prioritario e più efficiente – ha commentato l’assessore agli Enti locali, Montagna, Piccoli Comuni e Rapporti con la Svizzera Massimo Sertori – tenuto conto dell’impatto positivo che ha sui territori in termini di crescita intelligente, sostenibile e inclusiva e del conseguimento degli obiettivi definiti nel programma di cooperazione”.

“Sono molto soddisfatto di questa decisione – ha aggiunto Sertori -, perchè, grazie alla richiesta avanzata in maniera unanime dal Comitato, di cui faccio parte in rappresentanza di Regione Lombardia, la Commissione europea ha sbloccato le risorse necessarie al finanziamento di ulteriori otto progetti strategici e di qualità. Sarà l’occasione per gli Enti locali interessati a ottenere un finanziamento per migliorare i propri territori, obiettivo che il mio Assessorato perseguita e promuove”.

A seguito della riassegnazione, il sostegno del Fondo europeo per lo Sviluppo regionale (Fesr) per ciascun Asse è così modificato: nell’Asse prioritario 2, aumenta di 9,15 milioni di euro e nell’Asse prioritario 5 diminuisce del medesimo importo. La cifra indicata nel documento della CE è relativa alla sola quota FESR (di competenza della UE) e a tale somma si deve aggiungere la quota di cofinanziamento nazionale pari a 1,48 milioni di euro.

Ben sei i progetti lombari, tra gli otto finanziabili a seguito della riprogrammazione, nelle province di Varese, Como e Sondrio, che hanno coinvolto anche il museo diffuso transfrontaliero del Monte S. Giorgio. Il capofila italiano del progetto è la Comunità Montana del Piambello, per un progetto, con un budget di 1,6 milioni di euro per la parte italiana e 150.000 franchi per la parte svizzera, intende promuovere l’area del Monte S. Giorgio, riconosciuto Patrimonio dell’Unesco nel 2003, attraverso la nuova veste del museo diffuso transfrontaliero.

Vuoi lasciare un commento? | 0

Lascia un commento

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127