Alto Varesotto | 18 Settembre 2019

Dumenza, Agra e Curiglia: nelle valli si rischia la paralisi. “Troppa burocrazia”

Ad oggi è una sola la figura di segretario comunale per i tre paesi, disponibile 3 ore a settimana. Il problema è sentito a livello nazionale, l'Anci chiede una svolta

Tempo medio di lettura: 2 minuti

Ha un ruolo che è quasi insostituibile all’interno di un’amministrazione, eppure la figura del segretario comunale continua ad essere afflitta da una problematica che, con il passare del tempo, rischia di rallentare pesantemente – se non addirittura bloccare – procedure e comparti di lavoro per cui in certi casi specifici nemmeno il sindaco riesce a sopperire alle mancanze.

L’allarme lanciato a livello nazionale, ma con una forte area di interesse anche nell’alto Varesotto, è quello relativo alla carenza di questi professionisti negli uffici municipali, dove il segretario svolge mansioni complesse e di fondamentale necessità.

Nella giornata di ieri La Prealpina ha raccolto a questo proposito l’appello lanciato dall’associazione nazionale dei Comuni (Anci), che solo ad agosto ribadiva al Governo in carica la necessità di mettere in campo soluzioni per migliorare la situazione. “Al 6 giugno 2019 – si legge sul quotidiano locale – su 741 sedi di segreteria di classe III e IV (quelle con popolazioni inferiori ai 10mila abitanti) ben 417 non hanno un segretario titolare“.

Sul territorio a soffrire di più la presenza di questa criticità sono i comuni di Agra, Dumenza e Curiglia, dove il segretario opera usufruendo di un numero limitato di ore a settimana per affrontare tutte le questioni burocratiche aperte. Una soluzione temporanea che però, con il passare del tempo, ha assunto le sembianze di una misura a tempo indeterminato.

L’associazione nazionale dei Comuni continua su questo fronte a chiedere procedure più rapide per le assunzioni, perché è su questo punto che si gioca il superamento delle barriere che tengono in ostaggio la burocrazia dei piccoli paesi del Luinese. “E’ essenziale il superamento del corso-concorso, già autorizzato nel lontano 2017, come unica possibilità di reclutamento” si legge ancora sul quotidiano locale.

C’è infine un’ulteriore proposta sul tavolo dell’Anci, quella di “consentire ai vice segretari nominati dai sindaci di superare il limite dei 120 giorni attualmente previsto per la reggenza”. Per il territorio le speranze di una gestione ottimizzata della figura sono riposte inoltre negli elenchi dei segretari in mobilità. La risorsa di riferimento, ad oggi, raggiunge la valle per un tempo massimo di tre ore a settimana. Decisamente troppo poco.

Vuoi lasciare un commento? | 0

Lascia un commento

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127