Luino | 17 Settembre 2019

Mancano bagnini nel luinese, al via i nuovi corsi

La prova di nuoto di ammissione avrà luogo giovedì 3 ottobre alle ore 20.30 nella piscina del Centro Sportivo "Le Betulle" di Luino. Ecco tutti i dettagli

Tempo medio di lettura: 2 minuti

La prima associazione di bagnini professionisti del mondo fu creata in Italia nel luglio del 1871 era la Società ligure di soccorso ai sommersi, divenuta poi nel 1876 Società Nazionale di Salvamento. La sezione provinciale di Varese, appartenente proprio alla Società Nazionale di Salvamento, organizza a Luino un nuovo corso per il conseguimento del brevetto professionale di bagnino di salvataggio – assistente bagnanti.

Questo si rende necessario in quanto nel luinese attualmente ci sono pochissimi bagnini abilitati, che non sono sufficienti a coprire i numerosi posti di lavoro disponibili. Nella stagione balneare appena trascorsa infatti sono stati impiegati nella maggior parte dei casi, al lago e nelle piscine, bagnini provenienti dal sud della provincia e anche da fuori regione.

La prova di nuoto di ammissione, gratuita ed aperta ad ambo i sessi dai 16 ai 55 anni, avrà luogo giovedì 3 ottobre alle ore 20.30 nella piscina del Centro Sportivo “Le Betulle” di Luino. Le lezioni avranno inizio la settimana successiva alla prova di ammissione.

Il corso si articola in diverse lezioni teoriche e pratiche in piscina, dove si insegnano le varie nuotate e le tecniche di salvataggio, in prove di voga e di arti marinaresche sul lago Maggiore e in esercitazioni di pronto soccorso e di rianimazione con l’assistenza di medici e istruttori della Croce Rossa Italiana.

Il brevetto inoltre include l’autorizzazione all’utilizzo del defibrillatore automatico rilasciato dalla Croce Rossa Italiana e dà punti per l’arruolamento nelle Forze Armate e al riconoscimento dei crediti scolastici.

Con l’esame finale, davanti a una commissione presieduta da un Ufficiale della Guardia Costiera, si acquisisce un’abilitazione professionale valida per piscine, acque interne e mare, in Italia e all’estero, che consente di operare anche come Guardia Costiera Ausiliaria in collaborazione con le capitanerie di Porto e con la Protezione Civile.

In questa veste i bagnini della “Salvamento” svolgono attività di sorveglianza sulle spiagge balneabili marine e lacustri e di assistenza a manifestazioni sull’acqua e a gare di nuoto, vela e canottaggio. Il brevetto offre soprattutto prospettive di lavoro nelle piscine pubbliche e private, nei villaggi turistici e negli impianti balneari al mare e da qualche anno anche sul lago Maggiore dove vengono impiegati, nei mesi estivi in diverse spiagge balneabili, numerosi bagnini di salvataggio da noi abilitati.

L’iniziativa è patrocinata dalla Provincia di Varese nell’ambito del “Progetto Acque Sicure”, promosso durante l’estate anche con la divulgazione di prontuari per i bagnanti e per i natanti.

Per ulteriori informazioni chiamare il numero 0332 520430 o consultare il sito www.salvamentovarese.it.

Vuoi lasciare un commento? | 0

Lascia un commento

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127