Maccagno con Pino e Veddasca | 22 Agosto 2019

“La Gioconda è riuscita nell’intento di riavvicinare la Veddasca e la Val Dumentina”

Il sindaco Fabio Passera commenta le parole di Graziano Ballinari, che oggi aggiunge una ricca testimonianza alla sua tesi. Tanti aneddoti e curiosità sulla Monnalisa

Tempo medio di lettura: 2 minuti

A 108 anni dall’anniversario del furto della Gioconda, le parole di Graziano Ballinari rieccheggiano ad una storia tanto discussa quanto curiosa. Secondo la sua tesi, pubblicata qualche giorno fa, infatti, il celebre dipinto del genio Leonardo Da Vinci, del quale quest’anno si celebra il 500esimo anno dalla sua morte, si trova tutt’ora in Veddasca, “in una chiesina di Graglio”, mentre quello esposto al Louvre di Parigi sarebbe un falso.

Del tema se ne parla ormai da anni, ma ancora non vi è stato alcun tipo di riscontro che possa portare al ritrovamento della Monnalisa in Veddasca. Nel frattempo, però, in tutto il territorio luinese la “verità” di Ballinari ha creato dibattito, soprattutto sui social network, con gli utenti che si dividono tra chi crede a questa testimonianza e chi, invece, parla di una leggenda mai verificata.

Ad intervenire, oggi, è proprio il sindaco di Maccagno con Pino e Veddasca, Fabio Passera, che commenta la tesi di Ballinari: “La Gioconda è riuscita laddove non è riuscita la Piero-Lozzo, vale a dire nell’intento di riavvicinare la Val Dumentina e la Val Veddasca. È senza dubbio una storia che mi intriga. Tutte le volte che il mondo parla della Veddasca penso sia straordinario, un’attenzione particolare per la nostra bellissima e affascinante terra, che non sempre gode delle luci della ribalta che invece dovrebbe avere”.

Se è vero o non è vero che la Monnalisa si trova in Veddasca non mi interessa – continua Passera -. Conosco e frequento Ballinari, i suoi genitori hanno un profondo legame con la Val Veddasca. Penso ci sia qualcosa di vero. La Gioconda, in ogni caso, anche se fosse qui, non potrà mai dare più fascino ad un territorio che è già meraviglioso di perse. Se poi in futuro la troveremo in qualche Chiesuola a Graglio, il mondo finalmente si accorgerà che esistiamo anche noi. Noi, però, ce ne siamo già accorti da un pezzo”.

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127