Laveno Mombello | 20 Agosto 2019

Laveno Mombello, “Ampio parco sul Colle San Michele, no al progetto di cementificazione”

Dopo l'assemblea lavenese, il Comitato sorto in difesa dell'area aggiunge la sua voce a quella di Legambiente. Una lettera per scongiurare l'ipotesi di nuove residenze

Tempo medio di lettura: 2 minuti

“Spettabile Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio della Regione Lombardia, ci rivolgiamo a Voi, in quanto ente preposto alla tutela e alla valorizzazione dei beni culturali e paesaggistici, affinché interveniate in difesa di un’area tanto preziosa quanto minacciata“.

Il riferimento è al Colle San Michele e quelle riportate sono le prime righe di una lettera scritta dal Comitato spontaneo sorto in difesa dell’area e del piano di realizzare sulla sua superficie un parco, pronunciatosi dopo la notizia circa la possibilità di edificare nuove residenze all’interno della zona, notizia trattata e approfondita durante un’assemblea pubblica, particolarmente sentita e partecipata, che si è svolta ad inizio agosto presso Villa Frua, a Laveno Mombello, dietro proposta di Legambiente.

“In passato i vostri tecnici hanno per ben due volte espresso parere sfavorevole al progetto relativo all’edificazione di diversi lotti del Colle – afferma il Comitato nella missiva, dopo aver citato i passaggi del Codice dei Beni Culturali che certificano in particolare il valore in termini di memoria storica del sito -. Poche settimane fa, però, una Vostra mancata risposta ha aperto la strada all’autorizzazione al disboscamento dell’area, che prelude alla sua edificazione. Visti i pareri sfavorevoli espressi in precedenza, e vista la situazione oggettiva, siamo sicuri che il Vostro silenzio sia dovuto ad un mero disguido, e sollecitiamo perciò un Vostro intervento a tutela dell’area in questione”.

Un passaggio, quello sul silenzio dell’ente, che già in assemblea aveva spinto i rappresentanti di Legambiente a sottolineare la contraddizione tra i pareri negativi, espressi inizialmente dalla Soprintendenza, e la scelta conclusiva di non pronunciarsi.

“Da anni i singoli cittadini e le associazioni si adoperano per cercare di realizzare in questa zona un ampio parco che non avrebbe eguali in tutto il Verbano – spiega il Comitato in conclusione – e che permetterebbe, finalmente, il rilancio turistico ed economico dell’intera cittadina. L’edificazione sarebbe una pietra tombale sul progetto del parco del Colle San Michele, e non vogliamo credere che possa essere posta con l’avallo anche solo silenzioso, proprio dell’ente preposto alla tutela del paesaggio e della memoria”.

Un’altra voce si aggiunge dunque a quella di Legambiente per scongiurare l’ipotesi che già gode di un progetto di cementificazione, in relazione al quale l’associazione, sempre durante l’incontro di inizio mese, ha anticipato di voler presentare ricorso al TAR, nel minor tempo possibile.

Per approfondire la proposta del Comitato, cliccare qui.

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127