Germignaga | 15 Giugno 2019

Luino, alternanza scuola-lavoro ed esperienze internazionali: i successi degli studenti del “Carlo Volontè”

Nell’incontro presso l’ex Colonia elioterapica il team di insegnanti e ragazzi coinvolti ha raccontato i progetti Erasmus+ KAII e Osnabrück e l’ABB Robocup Contest

Tempo medio di lettura: 3 minuti

Giovedì 13 giugno si è tenuta la presentazione “Esperienze internazionali di cooperazione scuole e aziende” che alunni e docenti, impegnati nei progetti trasnazionali per la formazione e l’istruzione, hanno organizzato per condividere le esperienze e i risultati dei progetti Erasmus+ KAII e Osnabrück e del contest ABB Robocup.

Il crescente grado di digitalizzazione e complessità dei processi produttivi attuali e futuri richiede un’istruzione che possa far fronte alla richiesta di nuove competenze, espresse da diplomati particolarmente esperti nel campo dell’ingegneria elettrica e della meccatronica.

Il progetto biennale iniziato nel 2017 dall’istituto luinese, sotto la direzione dell’allora preside Lorena Cesarin e raccolto poi dal nuovo dirigente scolastico Fabio Giovanetti, ha proprio questo scopo, insieme all’approccio consapevole all’Industria 4.0, il miglioramento della cooperazione tra scuole tecniche europee e la diffusione del “doppio sistema/Dual System” basato su quelli che nell’ordinamento italiano sono definiti “Percorsi per le Competenze Trasversali e per l’Orientamento”.

La collaborazione con istituti in Inghilterra, Estonia, Olanda e Germania, e soprattutto con le imprese del territorio, Rettificatrici Ghiringhelli e SPM, che hanno offerto il supporto della realizzazione in azienda di progetti con specifici processi operativi attraverso attrezzatura tecnica specializzata, hanno permesso ai ragazzi selezionati dall’istituto luinese di svolgere esperienze formative uniche.

Durante la presentazione, dopo un’introduzione del professor Giovanetti, ha preso la parola la professoressa Marilina Comeglio, che insieme alla professoressa Patrizia Poltronieri e al professor Stefano Del Vitto, ha lavorato al progetto con gli studenti selezionati delle classi 4° e 5° del corso di elettronica-automazione.

“Il progetto biennale ha contribuito ad una scuola non più autoreferenziale, a una rimodulazione dell’attività didattica, e ci ha portato anche a modulare il profilo di uscita e le competenze che vogliamo fornire ai nostri ragazzi, con un occhio attento a ciò che chiedono il territorio e la dimensione internazionale e al contesto storico attuale – ha sottolineato la professoressa Comeglio -. Anche il team di insegnanti e la dirigenza hanno trovato una rinnovata motivazione nella didattica attiva e nella valorizzazione dell’eccellenza, mostrando concretamente ai ragazzi che per migliorarsi la formazione non finisce mai”.

Gli stessi studenti hanno poi raccontato i progetti e le attività svolte, nello specifico il progetto Erasmus+ KAII, l’esperienza lavorativa presso due aziende tedesche grazie al progetto Osnabrück e la partecipazione di successo al contest ABB Robocup.

Al termine delle presentazioni dei ragazzi, hanno preso parola i rappresentanti dell’azienda SPM. Il tutor aziendale Fabio Frusciello, dopo aver invitato davanti alla platea Mohamed Hussein, ex studente dell’ISIS di Luino che ha partecipato lo scorso anno al progetto dell’istituto ed ora lavora come tecnico in un’azienda che collabora con SPM, ha sottolineato: “Ci tengo a evidenziare che hanno fatto veramente tutto i ragazzi, perché la loro fortuna è essere essi stessi ‘4.0’: vivono nel mondo connesso dalla nascita, lo ‘masticano’ bene e riescono a fare cose notevoli. Il nostro contributo è instradarli e dare un metodo e struttura al loro lavoro, ma hanno veramente fatto tutto con le loro mani”.

Il presidente del CDA di SPM, l’ingegner Giovanni Berutti, ha poi aggiunto: “Siamo contenti della collaborazione con l’ISIS di Luino e constatiamo tutti gli anni che arrivano ragazzi in gamba e motivati, che possono ritenersi fortunati perché quello che stanno imparando a scuola è il cuore di ciò di cui ha e avrà bisogno l’industria manifatturiera europea“. L’ingegnere ha poi concluso dando un consiglio ai ragazzi: “Sfruttate ogni possibile occasione come quella che vi dà la vostra scuola per fare esperienze, perché per i ragazzi in gamba c’è un futuro in Europa, in Italia e anche nel luinese”.

Durante la serata era presente anche il sindaco di Germignaga Marco Fazio, che ha commentato così la presentazione: “Mi colpisce quanto la concretezza di questa esperienza abbia arricchito il bagaglio di questi ragazzi, che ci hanno dimostrato come non si debba avere paura del concetto di automazione, mostrandoci come dietro le macchine ci sia in realtà tanto pensiero e la necessità di figure professionali che le programmino ed elaborino. Una riflessione importante questa, perché solo con l’innovazione possiamo cercare di tenere le aziende sul nostro territorio”.

Il professor Giovanetti ha poi ringraziato insieme all’ex dirigente scolastica Lorena Cesarin, il Lions Club Luino rappresentato alla serata dal suo vicepresidente Paolo Enrico, che ha dato un supporto fondamentale al progetto, e ha invitato in seguito a parlare al pubblico, la dottoressa Paola Benetti dell’ufficio scolastico provinciale: “Questo è un vero esempio del modo in cui si può ‘fare buona scuola’, con una collaborazione più che virtuosa tra sistema formativo e tessuto imprenditoriale del territorio. In questo modo ciò che viene fatto a scuola, praticato nel contesto concreto aziendale, può veramente orientare i ragazzi aiutandoli a capire la loro destinazione nel mondo e a livello lavorativo”.

A chiudere la serata il commento del professor Stefano De Vitto a nome del team di insegnanti che hanno coordinato il progetto: “Questa è una grande esperienza anche per noi insegnanti: spesso siamo chiusi nelle nostre scuole e in questo modo, confrontandoci con altri istituti e insegnanti in Europa, siamo usciti da questo guscio e abbiamo visto una realtà differente, nelle strutture, nelle possibilità, nei laboratori. Nonostante le nostre poche risorse, in Italia, riusciamo a fare un buon lavoro e una buona figura, e questo significa che abbiamo tutte le potenzialità e la capacità di dare molto, nonostante tutto”.

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127