Milano | 19 Maggio 2019

Amianto, edifici privati: dalla Regione un milione di euro per la rimozione di coperture e manufatti

È finanziabile una percentuale fino al 50% delle spese ammissibili, per un importo massimo di 15.000 euro. Ad annunciarlo è stato l'assessore Raffaele Cattaneo

Tempo medio di lettura: 1 minuto

Un milione di euro per la rimozione di coperture e altri manufatti in cemento-amianto da edifici privati. Lo ha stanziato la Giunta regionale approvando una delibera proposta dell’assessore all’Ambiente e Clima, Raffaele Cattaneo.

“Il settore che più necessita di pianificare le attività di bonifica dell’amianto – ha commentato l’assessore – è senza dubbio quello dell’edilizia, in particolare rispetto alla presenza di questo materiale che è stato messo al bando già nel 1992. Lo stanziamento rappresenta un primo incentivo
concreto per lo smaltimento dedicato ai soggetti privati, con un contributo economico per attuare le misure di messa in sicurezza, bonifica e recapito finale. Sul tema seguiranno altri provvedimenti, perché intervenire per rimuovere la presenza di amianto in Lombardia è una priorità che richiede di agire con grande attenzione”.

La delibera è un’attuazione del Programma regionale di gestione rifiuti e delle norme regionali, che promuovono la rimozione e lo smaltimento di manufatti in cemento-amianto. Nel 2017 erano già stati approvati due bandi per la rimozione del cemento-amianto da edifici pubblici, mentre l’attuale provvedimento si rivolge agli edifici privati.

I criteri stabiliti prevedono che i fondi siano attribuiti in base a dei punteggi tecnici, che tengano conto soprattutto della quantità di amianto da rimuovere. È finanziabile una percentuale fino al 50% delle spese ammissibili, per un importo massimo di 15.000 euro.

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127