Luino | 13 Maggio 2019

Luino, vento e comunioni frenano le aperture domenicali dei negozi. Commercianti ottimisti

Pochi i turisti stranieri presenti nel paese lacustre ieri mattina, diversi i clienti abituali in giro a fare shopping. "Una bella iniziativa per sviluppare il turismo"

Tempo medio di lettura: 2 minuti

Non parte col botto l’iniziativa messa in atto dalla Confcommercio Ascom Luino che, a partire da ieri e per i prossimi mesi, vedrà i negozi rimanere aperti ogni seconda domenica del mese, dalle 10 alle 13. Oltre le attività già aperte, ben trentatré gli esercizi commerciali che hanno risposto positivamente all’appello dell’associazione di categoria luinese, dopo il questionario inviato ai soci nelle scorse settimane.

Unanime la percezione dei commercianti che hanno sposato con entusiasmo il progetto: a non far decollare gli introiti non solo le brutte condizioni del tempo, con un grande vento che per tutta la mattina è soffiato forte sul lago, ma anche le numerose comunioni celebrate ieri mattina, che hanno coinvolte tante famiglie del territorio luinese, e la Festa della Mamma.

Pochi gli scontrini battuti dalle attività commerciali, infatti, sia dai negozi di abbigliamento che da quelli di calzature presenti in centro tra via XXV Aprile, piazza Garibaldi, piazza Risorgimento, via Bernardino Luini, via Cairoli, via Leonardo da Vinci, viale Dante, via Vittorio Veneto e via XV Agosto.

Allo stesso modo, però, pochi sono stati anche gli stranieri che ieri hanno deciso di trascorrere la mattinata nel paese lacustre, mentre qualche cliente affezionato, invece, ha sfruttato proprio l’occasione dell’apertura straordinaria per fare un po’ di shopping, come raccontato da Martina della Benetton, Claudia di Castelli Calzature, Elena di Cioccolata, Ombretta dell’Imperial Fashion, Tiziana e Margaret del Ferrario, così come Carlo Talamona, i negozianti di Saggia Sport, quelli di Golden Point e Cristina di Calvin Klein, dove grazie all’apertura è stato fatto anche qualche acquisto all’ultimo momento. Sopra le aspettative gli affari del Cioccobacco, che ha ospitato anche clienti stranieri, soprattutto svizzeri e tedeschi.

In tanti, però, hanno sottolineato la bontà dell’iniziativa, guardando con ottimismo alle prossime domeniche di apertura, con l’auspicio che anche gli altri colleghi rimasti chiusi ieri possano ricredersi e puntare forte sul commercio domenicale e tener alte le saracinesche per qualche ora.

“Tornare a tenere aperti i negozi la domenica – commentano Margaret e Tiziana del Ferrario -, ci riporta indietro nel tempo, quando quindici anni fa circa, tenevamo aperto anche di sera, quasi fino a mezzanotte. I tempi erano diversi, la crisi non c’era, e il giro di affari era differente. Tanti ieri mattina i clienti che ci hanno chiesto dettagli sull’iniziativa, apprezzando la nostra decisione”.

“Una prima iniziativa da ripetere – spiega Carlo Talamona -, continuare su questa strada significherebbe dare un piccolo segnale per lo sviluppo del turismo anche da parte di noi commercianti”.

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127