EMERGENZA CORONAVIRUS (ATTIVITÀ APERTE E CONSEGNE A DOMICILIO ) Segnalaci la tua attività Guarda tutte le attività
Luino | 17 Aprile 2019

Il dialogo tra le istituzioni promuove la cultura della legalità nelle aule del “Città di Luino”

Il ciclo di incontri che avevano questo obiettivo è stato realizzato grazie all'intervento e alle parole del capitano dei Carabinieri di Luino, Alessandro Volpini

Tempo medio di lettura: 2 minuti

Si è concluso, in questi giorni, presso le due sedi dell’I.S.I.S. “Città di Luino – Carlo Volonté” (via Lugano 24/A per gli indirizzi Amministrazione, Finanza e Marketing – Costruzioni, Ambiente e Territorio – Turismo, via Cervinia 54 per Elettronica e Informatica) un ciclo di incontri rivolti alle classi prime e terze con il Comandante della Compagnia dei Carabinieri di Luino, il Capitano Alessandro Volpini.

Gli incontri, organizzati nell’ambito delle assemblee di Istituto, fanno seguito a un’analoga iniziativa durante lo scorso anno scolastico, offrendo la possibilità a tutti gli studenti e le studentesse della scuola di prender parte al progetto.
Durante le assemblee viene trattato il tema delle droghe e del rapporto dei giovani con le sostanze, nell’ambito più generale della promozione della cultura della legalità, con una particolare attenzione alle conseguenze sul piano della responsabilità per i giovani di questa fascia di età.

Caratteristiche, uso, effetti, commercio, sanzioni: questi alcuni degli aspetti emersi nella presentazione partecipata che hanno permesso una ben più ampia riflessione sugli aspetti socio-culturali e soprattutto emotivo-relazionali che il fenomeno influenza e spesso, dati alla mano, stravolge.

Video ed esempi tratti da fatti di cronaca e dal quotidiano hanno coinvolto gli studenti in un percorso di conoscenza e riflessione che vuole formare alla consapevolezza critica necessaria per le scelte presenti e future che i ragazzi dovranno fare nel loro percorso di crescita di donne, uomini e cittadini.

Relator degli incontri improntati al dialogo, il Capitano Alessandro Volpini, che ha fornito una corretta informazione sulle tematiche affrontate, sui rischi presenti nella nostra società e delle realtà presenti sul territorio nella gestione della sicurezza, importante punto di riferimento in caso di difficoltà.

Il Capitano ha sottolineato l’importanza del metodo di approccio: documentarsi per avere una giusta conoscenza e riflettere sempre, prima di una scelta, sulle conseguenze delle azioni che coinvolgono inesorabilmente non solo chi le mette in atto, in prima persona, ma gli altri… gli amici, gli affetti più cari, le frequentazioni quotidiane cioè quel piccolo, grande “mondo” che è la vita di ognuno di noi.

Il ringraziamento dell’Istituto va all’Arma dei Carabinieri e in particolare al Capitano Volpini per la disponibilità nei confronti della scuola.

… ora la parola agli studenti che ci illustrano questo momento di formazione.

Il Capitano, dopo aver aperto il dibattito parlando del concetto di libertà, ha illustrato le conseguenze legali della coltivazione, possesso, distribuzione o assunzione sostanze stupefacenti. Per spiegarlo si è servito di un video sulla guida di un veicolo in stato di ebbrezza e altri esempi che potrebbero riguardare aspetti della vita di uno studente, tutto ciò in armonia con un antico proverbio: ”L’accorto vede il pericolo e si nasconde, ma l’inesperto va oltre e ne paga le conseguenze”.

Per molti studenti, la conferenza è stata interessante e coinvolgente, utile per capire effetti e conseguenze delle droghe e per alcuni è stata incisiva per il futuro, il Capitano è stato efficace nella comunicazione, grazie al buon uso di esempi e ausili visivi. Senz’altro questi incontri ci hanno formato e fornito concetti che rimarranno nella mente di noi studenti, per molto tempo.

Per la classe 3aB inf, Blasco Misael con la collaborazione di Bellini Marco, Cesaretto Andrea, Di Mauro Giulia e Lalle Sara.

Vuoi lasciare un commento? | 0

Lascia un commento

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127