Cittiglio | 13 Aprile 2019

A Cittiglio “Sulle strade di Alfredo Binda”

Torna per la giornata di domani la randonnèe e ciclostorica valida come seconda prova della Ciclovarese Rando Challenge. Ecco il programma

Tempo medio di lettura: 2 minuti

(Fonte L’eco del Varesotto)

A Cittiglio tutto è pronto per la quarta edizione dell’evento sportivo “Sulle strade di Alfredo Binda”, randonnèe e ciclostorica in programma domani, domenica 14 aprile, valida come seconda prova della Ciclovarese Rando Challenge.

Gli organizzatori della Società Ciclistica Orinese e del gruppo sportivo Contini hanno realizzato una manifestazione che unisce il piacere di pedalare, la possibilità di visitare alcuni luoghi dell’Alto Varesotto e di scoprire alcune particolarità legate al ciclismo della provincia di Varese.

L’evento, che si inserisce inoltre nel calendario della Varese Sport Commission, è composto da tre tracciati: 50, 100 e 130 chilometri. La prima particolarità è il passaggio alla conclusione di ogni percorso dal punto di partenza, che permetterà ai partecipanti di scegliere se continuare o meno la propria passeggiata. C’è poi il rito conclusivo del “pasta party“, che si consumerà all’interno del ristorante La Bussola di Cittiglio, in un ambiente accogliente e caratteristico.

Venendo alle caratteristiche dei percorsi, i primi due sono da considerare di facile portata, e condurranno gli iscritti a pedalare per diversi chilometri lungo le sponde dei laghi di Varese e Maggiore, e a toccare anche il lago Ceresio e quello di Ghirla. Nel complesso, cento chilometri senza eccessive difficoltà altimetriche. Nel primo tratto, quello che vedrà protagonisti anche i ciclostorici, è prevista l’ascesa da Rancio Valcuvia alla Mottarossa, passando da Brinzio, che è considerata tra le salite più accessibili del territorio.

Il “Brinzio”, come viene comunemente identificato questo tratto di strada, è lungo 8,5 chilometri con una pendenza media del 3,5%, un picco massimo del 7,6% e un dislivello di 296 metri. Salendo da Rancio Valcuvia è possibile ammirare il quadro di Franco Tardonato, rappresentante la Madonnina protettrice dei ciclisti, che si trova nella cappelletta a bordo strada, mentre a Brinzio è situato l’affresco “I volti della leggenda” di Mario Arioli, che ritrae Luigi Ganna, Alfredo Binda, Gino Bartali e Fausto Coppi.

Il percorso più difficile offre la possibilità di pedalare su una delle salite simbolo del Varesotto, da Cittiglio al Passo Cuvignone. La salita prende il via in prossimità della casa natale di Alfredo Binda e misura 9,3 chilometri, con un dislivello di 772 metri (dai 264 di Cittiglio ai 1036 del Passo Cuvignone), con una pendenza media dell’8,1% e punte al 13%. E’ l’ascesa dedicata a Binda che ne aveva fatto la sua palestra di allenamento. Il tratto più impegnativo si trova tra il chilometro 2 e il chilometro 3,5 della salita. Qui si affrontano le pendenze più aspre, fino al 13%. Al chilometro 6 un tratto pianeggiante consente di riprendere fiato, poi la strada torna a salire e offre un suggestivo panorama delle Alpi e dei laghi del Varesotto, che precede l’ultimo tratto fino ai 1036 metri di altitudine del passo. Nella successiva discesa si transita da Arcumeggia, il borgo dipinto, il paese degli affreschi, dove è possibile ammirare l’opera di Aligi Sassu che raffigura un gruppo di ciclisti durante lo svolgimento di una competizione. Tra di loro è possibile riconoscere ancora una volta alcuni grandi protagonisti dell’epoca come Coppi, Bartali, Binda e Ronchini.

Con la manifestazione Cittiglio si conferma punto d’incontro tra ciclismo epico e moderno, nel segno della bicicletta intesa come svago e divertimento. Per ulteriori informazioni sull’evento e sulle iscrizioni visitare il sito www.sullestradedibinda.it.

(Foto di copertina dalla pagina Facebook “Sulle Strade di Alfredo Binda”)

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127