Luino | 29 Marzo 2019

I ragazzi dell’Anffas Luino sempre più protagonisti del loro futuro

La presidentessa Emilia Palazzo: “Il nostro obiettivo è quello di tutelare i diritti dei nostri ragazzi e dei familiari". Presentate tutte le nuove attività e servizi

Tempo medio di lettura: 3 minuti

In occasione della Giornata Nazionale della Disabilità Intellettiva e Relazionale, ieri pomeriggio, l’Anffas di Luino si è reso protagonista di un pomeriggio all’insegna della condivisione, presentandosi alla comunità del paese lacustre presso la sala della Biblioteca comunale, gremita di giovani volontari e familiari che non sono voluti mancare a questa giornata così importante.

Una sorta di open day nel quale sono state raccontate tutte le nuove attività, i servizi e le novità dell’associazione, che recentemente ha rinnovato le cariche sociali e il consiglio direttivo. A fare gli onori di casa l’assessora ai Servizi Sociali, Caterina Franzetti che ha spiegato quanto sia fondamentale per il territorio il lavoro e la rete creata dall’Anffas: “Insieme al Centro Diurno Disabili è una realtà in cui si respira normalità. Deve essere così per il futuro di questi giovani ed anziani che hanno problemi a relazionarsi con gli altri. Il comune di Luino investe molto sulla disabilità e la nostra struttura di servizio sociale è un fiore all’occhiello per impegno quotidiano della disabilità”.

A presentare la realtà luinese, invece, è stata la neo presidentessa Emilia Palazzo: “Il nostro obiettivo è quello di tutelare i diritti dei nostri ragazzi e dei familiari, che vengono accolti e rispettati, con un’attenzione particolare per le pari opportunità, per la non discriminazione e per tutte le cure. Cerchiamo di lavorare al meglio per metterci in ascolto e capire i loro bisogni e le loro aspirazioni. Vogliamo garantir loro un futuro migliore, non sono soggetti passivi, ma necessitano di cure ed attenzioni, essendo fruitori di servizi. Sono soggetti attivi, e a loro modo possono fare qualcosa per la società, questo è il nuovo paradigma. Da domenica saremo presenti davanti alle chiese luinesi per vendere le uova di Pasqua, utili per acquistare un nuovo pulmino”.

A entrare più nello specifico è stato il dottor Mattia Canape, responsabile amministrativo-gestionale dell’associazione: “Per noi è un onore avere questa riconoscenza dal comune. In queste poche settimane di lavoro abbiamo lavorato su due livelli: il primo per confermare l’accreditamento da parte di Regione Lombardia sui nostri dodici posti, rinnovando anche le disposizioni, mentre il secondo elaborando una nuova carta dei servizi e dandoci un po’ di aria fresca con l’arrivo di nuovi giovani volontari necessari per il nostro Centro Socio-Educativo”.

A chiudere è stata Elena Macaluso, coordinatrice del centro, che ha dettagliato le volontà educative nel seguire i ragazzi, per i quali si individualizzano bisogni globali e specifici con la famiglia in primo piano, ma senza dimenticare l’autonomia personale. “Il grande obiettivo è la crescita personale – dichiara Macaluso -, con attività ricreative e non terapeutiche: gite, laboratori e varie intese con realtà locali che permetteranno ai giovani di relazionarsi con le persone. Li ascoltiamo, cerchiamo di capire cosa gli piacerebbe fare, è fondamentale sia una loro decisione per poi avere obiettivi specifici educativi utili a mantenere, acquisire ed attivare competenze di qualsiasi tipo, capaci di sviluppare idee su lavoro, passioni e desideri. L’aspetto emotivo deve prendere sempre più spazio, facendo venire fuori quello che si ha dentro, soprattutto nel contesto familiare”.

Per proseguire questo cammino, sono partite e continueranno diverse attività come il nuoto, la musica, la falegnameria creativa, l’orto presso il terreno di Casa Paolo di Brezzo, il laboratorio espressivo di canto e pittura, l’equitazione a Mesenzana, i corsi per la cura dell’igiene personale, quelli di cucina e, infine, anche quello di pittura Stern alle scuole elementari di Luino con i bambini del territorio.

Oltre a questo, l’associazione ha firmato da poco un protocollo di intesa con la Croce Rossa di Luino e Valli per interventi di volontariato a doppio livello: se i ragazzi del 118 saranno a disposizione dell’associazione, i soci dell’Anffas aiuteranno la CRI a fare attività di volontariato, come sistemare i pacchi viveri e partecipare ad attività di presidio sul territorio durante gli eventi.

Infine, il martedì e il giovedì, dalle 10 alle 12, sarà aperto lo sportello del Servizio Accoglienza Informazioni, utile per dare risposte alle domande di familiari e genitori, per conoscere diritti ed esperienze.

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127