Curiglia con Monteviasco | 21 Marzo 2019

Monteviasco, la “Camminata della solidarietà” dei ragazzi delle medie di Dumenza

I ragazzini martedì, zaino in spalla, hanno camminato da scuola fino al borgo per portare un sorriso ai residenti e generi alimentari ai gestori del Circolo

Tempo medio di lettura: 2 minuti

Ancora non si sblocca la situazione riguardante la riattivazione della funivia di Monteviasco, dopo il tragico incidente avvenuto il 14 novembre che ha causato il decesso di Silvano Dellea. Il caratteristico borgo di montagna, nonostante alcune dichiarazioni avventate da parte di qualche politico, da allora è isolato e per sopperire alle criticità i Carabinieri di Dumenza continuano a percorrere gli oltre 1200 gradini per portare generi alimentari e medicinali ai pochi residenti.

In questo contesto nasce la bella iniziativa messa in piedi dalla scuola secondaria di Dumenza, che ha coinvolto una sessantina di ragazzi nella “Camminata della solidarietà”: gli studenti, infatti, martedì, una volta arrivati a scuola, sono partiti a piedi zaino in spalla, verso Monteviasco, accompagnati dai volontari del CAI Luino e da alcuni docenti, come le professoresse Rossana Mastrippolito (responsabile del plesso), Luisella Righetto, Lucia Pascuzzi, Maria Giovanna Riina, Francesca Cappai e il professor Federico Parini.

Macinando chilometri lungo la vecchia strada che collega Dumenza a Curiglia, verso Vigona attraversando le Cinque Vie per arrivare al Roccolo e scendere poi alla statua di San Carlo, alle porte di Curiglia, sono arrivati dopo qualche ora di cammino al Ponte di Piero.

Ad attenderli c’era il Comandante dei Carabinieri di Dumenza, Giampaolo Paolocci: così, prima di mettersi in cammino, i giovani hanno fatto un piccolo spuntino, grazie ad alcuni genitori che hanno aderito alla lodevole iniziativa. In tanti, prima di “partire” verso Monteviasco hanno voluto infilare nello zainetto farina, polenta, formaggio e altri alimentari, fondamentali per l’attività di ristorazione del Circolo.

Un’atmosfera molto conviviale e allegra, anche grazie presenza di alcune mamme, una con un bimbo di 18 mesi in braccio e l’altra con un cane che ha fatto da mascotte. Dopo le fatiche, i ragazzi sono arrivati nel borgo e hanno visitato la chiesa, dove qualcuno ha anche suonato anche le campane, il vecchio ostello e tutte le stradine, ascoltando anche qualche storia ed aneddoto sul posto, grazie alle parole di un papà che ha origini di Monteviasco.

“È stata una bellissima esperienza – racconta la professoressa Mastrippolito -, i ragazzi hanno potuto ascoltare tante storie interessanti, una sorta di lezione per conoscere il passato del borgo, con la speranza che tutto torni alla normalità nel più breve tempo possibile. Nel nostro piccolo, infine, ricevere i ringraziamenti dai ristoratori è stato molto gratificante. I ragazzi hanno imparato molto”.

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127