Porto Valtravaglia | 19 Marzo 2019

Roberto Sculati rompe gli indugi e si candida sindaco a Porto Valtravaglia

L'annuncio del vicesindaco di Brezzo di Bedero, assessore in Comunità Montana e agente della Polizia Locale: "L'obiettivo è cambiare la storia del nostro paese"

Tempo medio di lettura: 2 minuti

Oggi ad uscire allo scoperto è Roberto Sculati, vicesindaco di Brezzo di Bedero, dove è amministratore da tre mandati, ben quindici anni, nonché assessore in Comunità Montana e agente della Polizia Locale: è lui il secondo candidato sindaco di Porto Valtravaglia, ed è anche il secondo vigile a candidarsi di questa tornata elettorale dopo Ivan De Sensi a Grantola.

L’annuncio arriva dopo l’ufficialità di Ermes Colombaroli e di alcuni esponenti dell’attuale giunta di Porto Valtravaglia che, avendo lasciato la maggioranza, hanno scelto di rimettersi in gioco in vista delle amministrative del prossimo maggio.

“La decisione di candidarmi nasce dall’esigenza di cambiare la storia del nostro paese – racconta Roberto Sculati, che nelle prossime settimane si dimetterà come vicesindaco e prenderà un’aspettativa dalla Polizia Locale -. Il mio impegno è quello di riavvicinare i cittadini e soprattutto i giovani alla vita della nostra comunità, sensibilizzandoli sulle problematiche più evidenti del territorio. Il mio percorso sarà animato, non da polemiche o proteste contro le passate amministrazione, ma da serie proposte che saranno condivise con tutti i cittadini”.

Tanti gli argomenti che saranno trattati da Sculati in campagna elettorale: politiche sociali, sicurezza (tema per il quale si è speso molto in Comunità Montana, promotore del progetto per installare telecamere di sorveglianza in tanti varchi dei paesi della zona), valorizzazione del centro storico e delle periferie, miglioramento della gestione amministrativa, turismo, commercio e attività sportive, viabilità e sicurezza stradale e, infine, ambiente e istruzione. Ambizioso anche il progetto che lo porterà ad indicare dodici referenti del territorio, extra lista, per migliorare le comunicazioni tra il comune e le frazioni, con l’obiettivo di risolvere le eventuali criticità.

La lista si chiama “Guardiamo Avanti” ed è composta da Alessandro Artale, giovane artigiano, da Raffaella Romano, consigliera comunale di maggioranza uscente, dai geometri Gualtiero Aceti e Massimiliano Redini, dal maestro di judo Pier Luca Padovan, dall’insegnante Debora Martinetti, da Giancarlo Corioni, con un lungo passato nell’amministrazione pubblica, e infine da Ornella Barozzi, Enrico Cometti e Sara Sacchi.

“Lo sviluppo del nostro paese avverrà se riusciremo a rendere partecipi tutti – conclude Sculati -, i temi che dobbiamo affrontare sono molteplici, ma una buona gestione della struttura pubblica ci porterà a dei risultati sicuri. In questo momento storico, dove il contesto economico ed economico è difficile, il compito che mi accingo a compiere è arduo, ma con l’aiuto di tutti può essere compiuto al meglio”.

Nulla trapela, al momento, infine, sulla decisione di candidarsi o meno da parte dell’attuale sindaco, Adriano Giacobazzi. Non si sa se sarà lui a guidare la terza forza pronta a contendersi il Municipio o se sarà un outsider alla politica.

Vuoi lasciare un commento? | 0

Lascia un commento

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127