Milano | 22 Febbraio 2019

Trenord, segnali di ripresa all’orizzonte: “Ora ripristinare i treni cancellati”

La richiesta giunge dai rappresentanti dei viaggiatori lombardi alla conferenza del Trasporto Pubblico Locale. Ecco la lettera scritta alla Regione

Tempo medio di lettura: 2 minuti

Si è svolto a Milano, nella giornata di giovedì scorso, 14 febbraio, l’incontro tra Regione Lombardia, Trenord, RFI, FN e i rappresentanti dei viaggiatori. un’occasione utile ai pendolari per sottolineare, rivolgendosi agli enti direttamente interessati, lo stato attuale del servizio tra i consueti problemi di chi quotidianamente fa ricorso al trasporto pubblico e qualche positivo segnale di ripresa.

Le difficoltà che ancora tengono in ostaggio buona parte delle linee presenti sul territorio, si legano ai soliti disagi di carattere organizzativo, cioè del personale e della manutenzione dei mezzi. Qualche lieve miglioramento però, come detto, si intravede all’orizzonte.

A questo proposito, i pendolari registrano un cambiamento in positivo rispetto al numero insostenibile di cancellazioni sui viaggi, che si somma all’entrata in funzione di nuovi convogli, alle assunzioni e ad una importante e specifica richiesta rivolta a Regione Lombardia, e nello specifico al presidente Attilio Fontana e all’assessore alle Infrastrutture, Carla Maria Terzi, ora che il peggio pare sulla via dell’archiviazione.

Quella che riportiamo di seguito è quindi la lettera, firmata dai rappresentanti dei viaggiatori, messa a punto proprio a margine dell’incontro di giovedì. Ecco il testo in forma integrale.

L’incontro del 14 febbraio tra la Regione, le rappresentanze dei viaggiatori, Trenord, RFI e FN ha ulteriormente confermato che le difficoltà di Trenord sono quelle organizzative, ovvero di personale e stato di manutenzione dei mezzi, che denunciavamo inascoltati da anni.

Diamo atto all’Azienda di avere cambiato un atteggiamento reticente che ha imperversato per anni fino al recentissimo passato. Detto questo la situazione presenta aspetti in miglioramento.

La carenza di personale, che nello scorso autunno determinava un grande numero di cancellazioni, è definitivamente risolta con le assunzioni di cui si sta ultimando la formazione.

Più complicata la situazione del materiale rotabile. Tuttavia l’arrivo di alcuni convogli presi a noleggio da Trenitalia e la prolungata fermata dal 9 dicembre di molti materiali (di cui vogliamo sperare sia stata fatta adeguata manutenzione nei mesi che si sono avuti a disposizione), hanno fatto rientrare la fase più acuta dell’emergenza.

Siamo nelle condizioni di iniziare quanto meno a chiudere la parte più acuta dell’emergenza in una tempistica che la stessa delibera della giunta regionale X/999 dell’11 dicembre 2018 limita tra il dicembre 2018 e il giugno 2019.

Chiediamo pertanto, pur con la gradualità e la ragionevolezza del caso, che a partire dal prossimo cambio orario di giugno 2019 inizi la reintroduzione dei 179 treni quotidianamente cancellati dal provvedimento di emergenza.
Lo chiediamo prima di tutto a Voi, presidente e assessore, perché siete gli unici titolati a rispondere alle esigenze dei cittadini che rappresentate e a far rispettare a Trenord gli impegni che si è assunta nel sottoscrivere un contratto di servizio pubblico.

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127