Luino | 27 Dicembre 2018

Fognatura, numerosi progetti e interventi a Luino. “Perplessi sui concorsi delle Società Ecologiche”

Ad esprimere critiche sui bandi di concorsi riguardanti cinque società ecologiche del territorio è Luca Pandolfi, un attivista luinese del Movimento 5 Stelle

Tempo medio di lettura: 2 minuti

Dopo il caso dell’inquinamento nelle acque del lago Maggiore e i problemi legati alla fognatura nel territorio del comune di Luino, numerosi dibattiti in consiglio comunale e l’intervento del presidente di Alfa srl, Paolo Mazzucchelli, in un’assemblea cittadina dello scorso settembre, sono diversi gli interventi messi in atto nel paese lacustre, da metà novembre, dalla società che andrà a gestire la rete fognaria dal prossimo aprile.

Numerose le località del centro cittadino interessate da opere di manutenzione straordinaria, dopo la conclusione delle verifiche per il primo lotto di interventi. Il professionista incaricato, inoltre, sta provvedendo a sviluppare la progettazione del secondo lotto di lavori.

L’incarico è stato affidato alla società Etatec e si inserisce nel piano stralcio e descritte nell’accordo firmato il 5 luglio 2017. A breve la società provvederà a installare la necessaria apparecchiatura per la prima parte dell’incarico relativa al monitoraggio e successiva modellazione, attività fondamentali per una corretta progettazione degli interventi sulla rete intera.

Nel frattempo, però, l’attivista luinese del Movimento 5 Stelle, Luca Pandolfi, ha inviato in redazione un comunicato stampa in cui esprime le sue perplessità in merito ai bandi di concorso per l’assunzione di alcune figure in alcune società ecologiche del territorio, facenti parte di “Bozzente srl”. Ecco le sue parole.

Sono apparsi in questi giorni sul sito www.societaecologiche.net/bozzente/documenti/avvisi pubblici quattro bandi di concorso per l’assunzione di otto persone, con ruolo tecnico ed amministrativo, a tempo indeterminato da parte della società Bozzente S.r.l., società capofila amministrativa di ulteriori 5 società: Verbano S.p.A., Tutela ambientale, bonifica e risanamento del territorio attraversato dai corsi d’acqua Valmartina, Prada, Margorabbia e dal bacino dei laghetti di Ganna, Ghirla e dal torrente Dovrana S.p.A., Società per la tutela e la salvaguardia delle acque del lago di Varese e lago di Comabbio S.p.A., Tutela Ambientale dei Torrenti Arno, Rile e Tenore S.p.A., Società per la tutela ambientale del bacino del fiume Olona in provincia di Varese S.p.A., tutte le società sono proprietarie degli impianti di depurazione e reti intercomunali, circa l’85% della depurazione della provincia di Varese.

Fino a questo punto nulla di strano se non per il fatto che fra pochi mesi le società sopracitate saranno incorporate per fusione nel gestore unico delle acque Alfa S.r.l. (come previsto dal Dlgs 152/2006), dove per altro il personale delle società ecologiche, ammesso al passaggio diretto nel gestore unico, deve avere il necessario requisito di legge e da apposita delibera dell’Ufficio D’Ambito di essere in forza a tempo indeterminato da almeno 8 mesi prima del 31 gennaio 2015. Le figure richieste in questo momento non sono necessarie in quanto la gestione operativa dei depuratori e delle reti risulta in capo alla società Prealpi Servizi. Oltre a ciò le figure rispecchiano quelle del personale interinale attualmente presente.

A tutela degli utenti e per il rispetto dei principi di economicità, chiediamo ai sindaci soci delle società ecologiche ed alla politica della provincia di Varese di intervenire immediatamente al fine di bloccare il concorso in oggetto evitando ulteriori aumenti delle bollette acque già aumentate notevolmente.

Sia chiaro, noi siamo favorevoli all’occupazione, ma pare che questo sia un concorso ad orologeria per far confluire in Alfa otto nuove persone senza tener presente che il buon senso prevalga affinché gli stessi impieghi andranno semmai valutati dalla nuova gestione, in base all’inventario della complessiva forza lavoro acquisita dopo l’inglobamento delle varie società.

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127