Como | 3 Agosto 2018

In dogana su un bus turistico senza valigie, gli trovano 80 ovuli di cocaina in corpo. Arrestato 29enne

L'operazione, condotta dalle Fiamme Gialle, si è conclusa presso l'ospedale Sant'Anna di Como, dove grazie ad una radiografia gli agenti hanno scoperto le sostanze

Tempo medio di lettura: 2 minuti

Negli scorsi giorni i militari della Guardia di Finanza di Ponte Chiasso, in collaborazione con i funzionari doganali, durante i quotidiani controlli svolti presso il valico di Como – Brogeda, in ingresso nel territorio italiano, hanno scoperto a bordo di un pullman turistico una valigia abbandonata, con all’interno circa un chilo di marijuana, sottoponendola a sequestro.

A seguito del ritrovamento le Fiamme Gialle hanno approfondito il controllo nei confronti di tutti i passeggeri presenti a bordo del mezzo. Nel corso delle operazioni, a destare sospetti è stato l’atteggiamento di un ventinovenne, di nazionalità nigeriana e residente a Modena. Il soggetto dichiarava infatti di rientrare da un viaggio durato diversi giorni, pur non possedendo bagagli e fornendo risposte evasive e contraddittorie agli agenti.

Tutti elementi che, sommati allo stato di agitazione del soggetto, hanno spinto i finanzieri a decidere di sottoporlo ad un esame radiografico presso l’ospedale Sant’Anna di Como, utile a verificare se trasportasse o meno sostanze stupefacenti. Gli esiti dell’esame hanno infatti evidenziato la presenza di corpi estranei all’interno dell’addome, verosimilmente ovuli.

L’uomo è stato quindi trattenuto presso la struttura, sotto la vigilanza dei finanzieri, che nell’arco di due giorni hanno proceduto a recuperare ottanta ovuli per un peso complessivo di circa ottocento grammi. Tutti contenenti cocaina.

Per il corriere nigeriano sono quindi scattate le manette, mentre tuttora prosegue il suo ricovero presso il nosocomio comasco, sotto piantonamento, in attesa della completa espulsione dei restanti ovuli. Gli stupefacenti, i quattro telefoni cellulari in possesso dell’uomo e altri oggetti utili allo sviluppo delle indagini, sono stati nel frattempo sottoposti a sequestro.

Per il traffico internazionale di sostanze stupefacenti, la legge prevede una pena che varia dai sei ai vent’anni di reclusione, ed una multa da 26mila a 260mila euro. L’operazione di servizio svolta dalle Fiamme Gialle di Como testimonia, ancora una volta, l’impegno del corpo nel contrasto al traffico di sostanze, a tutela della collettività e dei più giovani in particolare.

Vuoi lasciare un commento? | 0

Lascia un commento

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127