Varese | 10 Gennaio 2018

Università Insubria: aperte le candidature per il viaggio studio di maggio in Giappone

Un ricco programma di due settimane per conoscere tutte le bellezze del Paese del Sol Levante, tra antiche tradizioni e moderne impianti tecnologi 

Tempo medio di lettura: 2 minuti

La professoressa Keiko Maruyama, docente di lingua giapponese, e il professor Giorgio Maria Zamperetti, docente di diritto commerciale, di law and humanities propongono a tutti gli studenti dell’Università degli Studi dell’Insubria un viaggio istituzionale e di studio in Giappone, che loro stessi condurranno. Il viaggio durerà due settimane (18 maggio-31maggio 2018), e, oltre all’arricchimento culturale e umano dei partecipanti e alla conoscenza della realtà e delle tradizioni del Paese visitato, è volto a sviluppare contatti, accordi e opportunità di scambio. Sono previsti in particolare incontri presso università, istituzioni culturali, aziende giapponesi, istituzioni politiche e sedi diplomatiche (come indicato nel programma cliccando qui).

Oltre alla visita di Tokyo, Kyoto e Osaka, sono previste tappe meno usuali come le splendide Kanazawa e Shirakawago e due siti del patrimonio Unesco: Nikko, “la città della luce del sole”, e Nara, nel cui parco i cerbiatti si fanno accarezzare dai visitatori. Inoltre ci sarà spazio anche per incontri istituzionali, come all’ambasciata d’Italia e alla Camera di Commercio Italiana in Giappone e l’incontro con il sindaco Daisaku. Inoltre si farà conoscenza degli studenti giapponesi che studiano la nostra lingua presso la  Tokyo University of Foreign Studies.

L’iniziativa ha ottenuto il patrocinio come “evento itinerante” della “Fondazione Italia-Giappone” che, costituita nel 1998 su iniziativa del Ministero degli Affari Esteri, ha lo scopo di sviluppare le relazioni tra Italia e Giappone tramite iniziative in campo culturale, scientifico ed economico.

La candidatura può essere presentata da tutti gli studenti dell’Università dell’Insubria di qualunque corso di laurea, a cui si potranno aggiungere anche le domande di studenti provenienti da altri Atenei, che saranno poi oggetto di valutazione. Si precisa che la domanda può essere presentata anche da chi ha già partecipato a precedenti viaggi di studio.

Saranno selezionati fino 20 studenti a seguito di un colloquio teso ad accertare la motivazione, la meritevolezza del curriculum di studi e la potenzialità di dare un apporto personale alla migliore realizzazione delle finalità del viaggio sopra indicate. Nella selezione dei partecipanti si cercherà di rispettare un equilibrio tra i sessi e tra i differenti corsi di laurea. Il termine per la presentazione delle domande è fissato per domenica 28 gennaio.

La quota di partecipazione è ancora in fase di conferma, ma si collocherà intorno ai 2000 euro per volo intercontinentale, spostamenti interni, pernottamento in hotel e assicurazione sanitaria. Per ulteriori spese si ricorda che il viaggio è autofinanziato.

Si precisa che la partecipazione al viaggio non attribuisce crediti formativi, salvo che il Dipartimento Didec o altri dipartimenti dell’Ateneo deliberino di attribuirne ai loro studenti per la partecipazione.

Vuoi lasciare un commento? | 0

Lascia un commento

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127