Cassano Valcuvia | 7 novembre 2017

Domenica a Cassano Valcuvia “Limes in festa”: esposizioni e performance per tutte le età

L'iniziativa, organizzata per presentare gli esiti dei laboratori del primo biennio del progetto "Limes confini che s’incontrano, avrà inizio alle 10

Per l’intera giornata di domenica 12 novembre Teatro Periferico organizza iniziative a ingresso libero presso il teatro comunale di Cassano Valcuvia per presentare gli esiti di tutti i laboratori del primo biennio del progetto Limes confini che s’incontrano. Sarà possibile accedere agli spazi espositivi dalle ore 10 fino alle ore 20.

Si tratta di una grande kermesse adatta a grandi piccini con mostre, esposizioni, video, performances, letture e mini spettacoli. Dalle 10 si potrà accedere agli spazi espositivi per ammirare originali opere di land art, realizzate sotto la guida dello scultore e scenografo Marcello Chiarenza, e nello spazio verranno proiettati i video realizzati nei laboratori per adulti e bambini. Alle 14 inizieranno le azioni sceniche ovvero estratti da spettacoli teatrali, performance, cori e letture sceniche frutto di interviste e racconti di vista vissuta. Alle 19 la giornata si concluderà con un rinfresco organizzato da Teatro Periferico insieme a tutti i suoi amici e amiche. Limes ha coinvolto 7 Comuni della zona in attività ideate e progettate su misura per promuovere la partecipazione dei cittadini alla produzione culturale, la condivisione delle pratiche artistiche e la diffusione di forme d’arte inusuali, un precorso iniziato due anni fa e che proseguirà per un altro anno ancora.

Una giornata densa quella in programma  a partire dalle ore 10, nella quale sarà possibile conoscere da vicino tutti i progetti di Limes che hanno preso vita sul territorio nel corso di questo primo biennio. Tra essi la mostra fotografica nata dal progetto di Maccagno “Arte e Natura”, un laboratorio dello scultore, pittore, scenografo e autore teatrale Marcello Chiarenza. L’iniziativa ha visto un’ampia partecipazione di cittadini e ha dato il via alla realizzazione di dodici opere di land art, esposte per 10 giorni nei prati intorno al museo Parisi Valle di Maccagno con Pino e Veddasca. Negli spazi espositivi anche il progetto realizzato ad Azzio “Cuci la tua storia” che, partendo da quattro immagini tratte dal patchwork già realizzato l’anno scorso dai partecipanti al laboratorio di sartoria creativa, ha permesso la realizzazione di quattro costumi scenografici, curati da Martina Ravelli, ispirati a riti, usanze, feste e cerimonie. “Il lavoro”, invece il titolo del progetto video realizzato a Germignaga. Un montaggio della durata di 8 minuti, di filmati e foto realizzati dai partecipanti al laboratorio di ripresa e montaggio video condotto da Valentina Malcotti. Il video raccoglie prove di interviste, scene montate, foto e brevi frammenti di documentario per le vie di Germignaga sul tema del lavoro. Tra gli spazi espositivi anche il progetto realizzato a Gavirate: “L’ora della fiaba”. Sia il video che i pupazzi esposti sono ispirati ad una fiaba scritta a partire dai racconti di persone di vari paesi del mondo e sono stati realizzati all’interno di due laboratori per bambini, uno di pupazzi tenuto da Raffaella Meregalli, attrice ed ideatrice di teatro per bambini, ed uno di illustrazione tenuto da Stefania Vincenzi, illustratrice e cartoonist. Dinamica l’esperienza che i visitatori avranno modo di fare, invece, con il progetto di azione scenica che ha preso vita a Castellocabiaglio: “Baratto di storie”. Ognuno dei partecipanti al laboratorio teatrale, seduto ad un piccolo tavolo, come venditore di una storia ad una fiera, farà un breve racconto ad uno spettatore, che a sua volta, sarà invitato a raccontarsi.

Avranno inizio a partire dalle ore 14, invece, le azioni sceniche ad aprire le quali troviamo “La lingua”, una scena tratta dallo spettacolo Lingualunga realizzato a Cassano Valcuvia. I bambini di famiglie straniere hanno incontrato i bambini italiani in un anno di laboratorio con Abderrahim El hadiri Abdul, regista e attore di origine marocchina. Questo incontro  ha avuto come esito lo spettacolo Lingualunga, che affronta il tema della comunicazione tra lingue e culture diverse, di cui sarà rappresentato un estratto.

Alle ore 15 sarà la volta dell’azione scenica “I teatrini di Portovaltravaglia”. In questa restituzione artistica si coniugano gli esiti di un laboratorio di lettura e narrazione per i nonni e di un laboratorio di costruzione di teatrini condotto da Salvatore Manzella. Tre tipi curiosi raccontano personaggi della loro vita, trasformandoli nei protagonisti di un’originale fiaba.

Protagonista alle ore 16 sarà invece un’azione scenica nata dal progetto realizzato a Germignaga dal titolo “Il lavoro”. Le storie autobiografiche di alcune ex operaie ed ex operai del setificio Stehli e di giovani lavoratori immigrati sono raccontate in una mise en espace a cura del laboratorio di teatro.

Alle ore 17 sarà la volta del progetto di Azzio “Coro”, nato dal laboratorio di canto condotto da Annamaria Garriga che si è basato sulle testimonianze raccolte dai partecipanti su feste, riti e cerimonie ed ha portato al recupero di cinque canzoni provenienti sia dal folklore tradizionale, sia dal repertorio sacro.

A concludere le interessanti esposizioni e performance della giornata saranno, alle ore 18,  i racconti nati dal  “Laboratorio di scrittura creativa” tenuto presso il centro documentale di Cassano valcuvia dall’editor Alberto Cristofori.

L’ingresso al teatro Comunale di Cassano Valcuvia di  via IV Novembre, 4 sarà libero per adulti e bambini.
Per informazioni: 334.1185848, info@teatroperiferico.it, www.teatroperiferico.it.

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"