Agra | 2 ottobre 2017

Il territorio sostiene la RSA di Agra, quasi 2mila firme raccolte in pochi giorni. “Deve rimanere aperta”

L'Open Day di ieri ha riscosso un grande successo. Visita della consigliera regionale (M5S) Paola Macchi e dei consiglieri di Luino Compagnoni e Agostinelli

Il territorio sostiene la RSA di Agra, quasi 2mila firme raccolte in pochi giorni.

Il responso del territorio in questi giorni è stato chiaro: la struttura “Vanda Albertini” di Agra deve rimanere aperta, senza se e senza ma, ed è da qui che bisogna ripartire, pensando all’importanza che la casa di riposo non solo ha per gli ospiti anziani presenti all’interno della struttura, ma anche per il ruolo fondamentale in tutta la zona che ha assunto questa realtà, con i posti di lavoro garantiti ai dipendenti che quotidianamente lavorano nella RSA. Nel caso chiudesse, infatti, le responsabilità dovrà prendersele la politica e, nonostante le normative vigenti, con le elezioni regionali alle porte la situazione sarebbe delicata.

E così, il paesino di Agra, di poco più di 400 abitanti, in pochi giorni ha raccolto quasi duemila firme tra quelle online, con la petizione di Change.org e quella sul territorio, che continuerà anche nei prossimi giorni, con l’obiettivo di dimostrare quanto sia fondamentale il servizio garantito dalla “Vanda Albertini”.

Ieri, passeggiando tra le sale ed i corridoi della struttura, durante l’Open Day, l’aria che si respirava era positiva, un ottimismo che sembra far scudo alle fragilità di chi questi spazi li vive quotidianamente e che “dopo aver vissuto una vita a lavorare, vuole solo serenità e pace, in attesa del proprio momento”. A dirlo Virgilio, un signore 86enne che leggeva  il giornale, seduto al primo piano da solo, mentre a pian terreno i parenti passavano del tempo con i propri cari, in allegria.

Ieri pomeriggio, a visitare la casa di riposo (un autentico fiore all’occhiello del territorio tra ambienti puliti, servizi, progetti ed attività svolte, ndr), insieme al direttore Fausto Turci, sono arrivati anche la consigliera regionale grillina Paola Macchi, accompagnata dall’attivista locale Gianfranco Cipriano, ed i consiglieri luinesi di minoranza Franco Compagnoni e Pietro Agostinelli, che hanno voluto esprimere il loro sostegno nei confronti degli ospiti e dei dipendenti. La consigliera Macchi, inoltre, ha precisato che presenterà la questione della RSA di Agra all’interno della Commissione Sanità di Regione Lombardia, provando ad aprire un dialogo sia sul piano politico che su quello tecnico-sanitario, con l’obiettivo di risolvere la situazione per evitare la chiusura. Nel pomeriggio ha voluto dare il proprio sostegno anche il sindaco di Curiglia con Monteviasco, Ambrogio Rossi, mentre in mattinata erano stati gli amministratori di Dumenza a far visita alla struttura.

“Fin dalla mattina ieri è arrivata un sacco di gente – spiega il direttore Fausto Turci -, nonostante la chiusura delle strade per la manifestazione ciclistica. Sono arrivate molte più persone di quante ce ne aspettassimo. Continueremo a seguire trasversalmente lo stato delle cose, grazie all’interesse di tutti i consiglieri che ci sono stati vicini in questi giorni, per cercare una soluzione. Io sono ottimista. Credo che la struttura rimarrà aperta per la grande importanza che abbiamo assunto sul territorio. Vorrei ringraziare, poi, l’associazione Articolo Tre, i parenti e tutti i volontari per il loro sostegno nei nostri confronti. Tutta questa vicinanza ci fa ben sperare per il futuro, una dimostrazione d’affetto e di riconoscenza per il nostro lavoro”.

Per approfondire, cliccare qui.

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"