Roma | 28 settembre 2017

RSA di Agra, interrogazione dell’onorevole Petraroli al Ministro della Salute

Il deputato del Movimento 5 Stelle: "Il sindaco di Luino chiarisca sulla vicenda RSA di Agra"

Tempo medio di lettura: 2 minuti

La vicenda della chiusura della RSA “Albertini Vanda” di Agra bussa alle porte del Comune di Luino e lo fa con una nota inviata da Cosimo Petraroli, deputato varesino, con la quale richiede al sindaco di Luino, Pellicini, di chiarire la posizione dell’Amministrazione Comunale all’interno della vicenda.

“Come è noto – si legge nella nota inviata dal deputato M5s – e riportato dalla stampa locale, l’Amministratore dell’Istituto, Giovanni Caprara, attraverso un excursus storico riportato in una missiva, ha descritto l’attuale situazione, lanciando diverse accuse sia alla politica regionale, sia a quella territoriale. Riattivata nel 2015 la RSA di Agra e ottenuta la convenzione, la stessa ha chiesto la contrattualizzazione, pur sapendo che sarebbe stata ostacolata da una norma vigente che la rende automatica solo se il contributo dato da Regione Lombardia a suo tempo per la realizzazione fosse prelevato e impiegato al 100% a differenza di questo caso che ha visto impiegato solo il 95%”.

“Si tratta di un contributo di 40 euro che la Regione – continua – , in base al grado di autosufficienza, riconosce ai singoli pazienti per abbattere i costi, a fronte dei 115 euro totali della gestione di una RSA al giorno. Come scritto nella lettera pubblica dell’amministratore unico Gianni Caprara, la possibilità di creare un escamotage per garantire comunque la contrattualizzazione della struttura pare sia stata a lui assicurata nel 2015 durante una cena privata alla quale hanno partecipato rappresentanti politici quali l’allora presidente della Commissione Sanità Fabio Rizzi, successivamente arrestato e condannato, il vicesindaco del Comune di Luino, il sindaco di Agra, funzionari di Regione Lombardia quali l’attuale direttore della Ats Insubria, il direttore sociosanitario e il Dg al Welfare regionale”.

“Per questi motivi – conclude Cosimo Petraroli – ho depositato un’interrogazione diretta al Ministro della Salute Lorenzin ed inviato una lettera al Sindaco Pellicini nella quale chiedo formalmente di chiarire la posizione dell’Amministrazione Comunale di Luino ed in particolare del vice Sindaco Alessandro Casali nella vicenda della RSA “Albertini Vanda” di Agra all’interno del prossimo Consiglio Comunale. I cittadini meritano di conoscere le risposte direttamente dalla voce dei diretti interessati ed all’interno della massima assise cittadina, la vicenda sta assumendo aspetti grotteschi ed è giunta l’ora di fare chiarezza”.

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127