Cassano Valcuvia | 13 Luglio 2017

Sedici imprese del Luinese e della Valcuvia insieme contro il rischio di desertificazione produttiva

Un incontro presso la Ratti, in collaborazione di Confartigianato, sulle criticità nel settore. Verrà stilato un documento da portare a sindaci, Regione e Governo

Difendere un’area a fortissimo rischio di desertificazione produttiva, la sua vocazione artigianale e imprenditorialeil valore delle professionalità a più alto valore tecnico e il loro mantenimento sul territorio, incrementare l’occupazione e agevolare l’inserimento nelle aziende di giovani con le competenze giuste per assicurare un passaggio generazionale interno in molti casi non più rinviabile.

Sono temi caldissimi quelli sui quali sedici imprese del Luinese e della Valcuvia si sono confrontate martedì sera nella sede della Ratti Luino Srl di Cassano Valcuvia insieme al presidente di Confartigianato Imprese, Davide Galli e al direttore generale, Mauro Colombo.

Obiettivo: diventare non solo imprese del territorio, ma “imprese per il territorio”, e prendere in mano le sorti di un comparto sul quale pesano condizioni di lavoro che rendono sempre più complicato “fare impresa” e competere sul mercato.

Tre i punti al centro della riflessione, a cominciare dalle difficoltà logistiche del comparto, complici strade di non facile percorribilità e talvolta addirittura inaccessibili ai mezzi di trasporto pesanti. Un problema con ricadute, anche economiche, pesantissime (stimate nell’ordine del 10-15%), soprattutto nel confronto con aziende collocate a ridosso di autostrade o di snodi stradali più favorevoli. Senza contare che la manutenzione, spesso, risente delle difficoltà economiche di comuni e amministrazione provinciale.

Altro tema bollente, la concorrenza con il Canton Ticino e con gli stipendi che le attività economiche d’oltreconfine riescono a offrire ai professionisti del territorio: una sorta di “dumping” salariale che, negli anni, ha reso sempre più complicato il mantenimento di tecnici e operatori all’interno delle imprese locali.

In questo caso, a rendere pressoché impossibile resistere alla concorrenza, concorre – secondo quanto riferito dalle imprese – il peso della tassazione nazionale, regionale e locale, combinato a un cuneo fiscale non paragonabile con quello (più basso) della vicina confederazione. E la forte vocazione al frontalierato dell’intero territorio.

Le soluzioni? Tre, al momento, le ipotesi sulle quali si lavorerà per stendere un documento condiviso, da sottoporre ad altri imprenditori del territorio, per portare all’attenzione di sindaci e rappresentanti politici regionali e nazionali «il grido di dolore di un territorio che non può più rinviare una riflessione seria e propositiva in merito alla propria sopravvivenza».

Il primo appuntamento delle “imprese per il territorio” sarà con la commissione regionale Attività Produttive, calendarizzata nell’ambito del progetto “ImpresAperta”, messo a punto in collaborazione con il presidente del consiglio regionale della Lombardia, Raffaele Cattaneo.

«Questo nostro incontro – spiega il presidente di Confartigianato Impresa, Davide Galli – mette in evidenza la forte volontà delle imprese di fare sistema per sostenere un territorio con il quale sentono un legame non solo economico ma affettivo e sociale. Senza queste imprese, e senza lo spirito che dimostrano di avere nonostante le enormi difficoltà del periodo, l’Italia, e quest’area, non potrebbero sopravvivere».

Nei prossimi giorni verranno diffusi i dettagli del documento.

Le imprese partecipanti: Ratti Luino Srl, La Minuteria di Locatelli Giovanni&figli Srl, Mastromarino Costruzioni Sas di Alfonso Mastromarino&C, Tecnosas Srl – Sistemi automatici speciali, Sas Santagostini Attrezzature speciali di Santagostini Luca, Modelmeccanica Sfericad Srl, Costa Officine Meccaniche Snc di Costa Giovanni Giuliano&C, Prato Recyclin,g Srl, Alba Srl, Special Machine Tools Srl, Trigo Srl, Sari Sas, Delsa Srl, Fomar Stamp Srl, Tecnomaticvarese Srl e Tekne Srl.

Vuoi lasciare un commento? | 0

Lascia un commento

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127