7 Giugno 2017

Legge elettorale, in bilico asse Renzi-Grillo. “100 franchi tiratori nel voto delle pregiudiziali”

Tempo medio di lettura: 2 minuti

(askanews) – L’aula di Montecitorio ha respinto le tre pregiudiziali di costituzionalità sulla legge elettorale. I voti a favore delle pregiudiziali sono stati 182, i contrari 310. Il voto è stato a scrutinio segreto su richiesta di Mdp, Ap e Fdi. Ci sono stati “100 franchi tiratori” nel voto delle pregiudiziali. Lo ha detto il capogruppo Pd, Ettore Rosato, all’assemblea del gruppo specificando che i dem sono stati compatti nella votazione.

ANSA/ GIUSEPPE LAMI

Nella votazione sulle pregiudiziali alla Camera sulla legge elettorale ci sono stati “100 franchi tiratori”. Lo ha detto il capogruppo Dem Ettore Rosato, parlando all’assemblea del gruppo. Per respingere le pregiudiziali hanno votato 310 deputati, ma la somma dei quattro partiti che hanno trovato l’intesa sulla riforma della legge elettorale in chiave “tedesca” (Pd, Fi, M5s e Lega) porterebbe a quota 445. Rosato ha comunque escluso che i franchi tiratori “siano nel gruppo Pd, che è compatto”.

Intanto Grillo annuncia una consultazione online. “Il testo di legge che uscirà dal voto degli emendamenti di questi giorni sarà ratificato dai nostri iscritti con una consultazione online che si terrà prima del voto finale del provvedimento, che dovrebbe essere previsto lunedì, nei giorni di sabato e domenica”è quanto si legge in un post firmato M5s e pubblicato sul blog di Beppe Grillo. “Oggi – si legge nel post – sono iniziate alla Camera le votazioni sulla legge elettorale. Come già fatto in commissione, anche in Aula cercheremo in tutti i modi di ottenere nuovi miglioramenti, come il voto disgiunto, le preferenze e i correttivi di governabilità. Non sappiamo se ce la faremo perché non dipende solo da noi. Abbiamo già ottenuto importanti risultati come la cancellazione delle pluricandidature e dei capilista bloccati”.

Sulla scelta di Grillo di dare l’ultima parola agli iscritti, Ettore Rosato è intervenuto più tardi, dichiarando che il partito democratico è disposto “a venire incontro a questa esigenza”. “I 5 stelle chiedono la consultazione on line sul testo che uscirà dall’aula e, poichè noi siamo rispettosi delle loro procedure interne – anche se critichiamo il loro blog è quella la sede istituzionale in cui prendono le decisioni, come se fosse una Direzione – siamo disposti a venire incontro a questa esigenza”, pertanto “si voteranno tutti gli emendamenti e gli articoli della riforma elettorale in questi giorni ma il voto finale, se la presidente della Camera sarà d’accordo, si farà lunedì”. Ettore Rosato, capogruppo Pd, spiega la linea decisa dai dem per evitare la rottura del patto a 4 sul modello elettorale tedesco.

“Avvertiamo però che o il testo è quello concordato dai 4 partiti oppure non c’è blog che tenga, fuori da quel testo non c’è la possibilità di fare la legge elettorale. Ricordo infatti che il Pd ha fatto i passi più lunghi per scrivere le regole insieme, perciò non accettiamo atteggiamenti di preponderanza da parte di nessuno – chiarisce Rosato – Non è che il blog condiziona il Parlamento, il blog condiziona il voto finale dei 5 stelle”.

Afe-Gal/Int5

Vuoi lasciare un commento? | 0

I commenti sono chiusi.

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127