18 Maggio 2017

Lavena Ponte Tresa, nuove restrizioni per i fumatori: ecco le zone dove il fumo sarà vietato

Tempo medio di lettura: 2 minuti

Risale a venerdì 12 maggio l’ordinanza del comune di Lavena Ponte Tresa che impone il divieto di fumare nei giardini, nei parchi pubblici, nelle aree scolastiche e all’aperto, nelle zone opportunamente segnalate sul territorio. Tra le premesse finalizzate all’adozione di tale ordinanza la tutela della salute pubblica e dei minori dovuta al fumo passivo che la Commissione Europea, attraverso una recente divulgazione di dati, ha segnalato come sempre più a rischio.

Lavena Ponte Tresa, nuove restrizioni per i fumatori: ecco le zone dove il fumo sarà vietato

Lavena Ponte Tresa, nuove restrizioni per i fumatori: ecco le zone dove il fumo sarà vietato. E’ di qualche giorno fa l’ordinanza comunale entrata in vigore a Lavena Ponte Tresa che impone il divieto di fumare in alcune zone all’aperto appartenenti al territorio. Diverse le fondamenta a sostegno di tale iniziativa riportate nell’ordinanza emessa, tra cui a risaltare è la ferma volontà dell’amministrazione di promuovere comportamenti responsabili e consapevoli che contribuiscano a rendere il paese più vivibile per tutti i suoi abitanti, con particolare riguardo alle fasce più sensibili, in linea con quella che è la strategia multidisciplinare del programma approvato dal Consiglio dei Ministri il 16 febbraio 2007, “Guadagnare Salute”. Tra le premesse con cui l’amministrazione presenta l’ordinanza anche i dati diffusi dalla Commissione europea che registra quello dei fumatori come un “trend” in crescita soprattutto tra i giovani. Sarebbero, stando a quanto riportato sull’ordinanza, proprio i bambini un terzo della percentuale di fumatori passivi. Diversi i luoghi all’aperto che rientrano nell’ordinanza comunale: tutte le zone destinate al gioco dei bambini nei giardini, nei parchi pubblici, nelle aree scolastiche all’aperto e in tutte quelle aree debitamente segnalate con adeguata segnaletica verticale del territorio comunale.

Una volontà più stringente per regolamentare il fumo nelle aree aperte. L’ordinanza va nella direzione di una disciplina maggiormente restrittiva per i fumatori: nell’atto pubblicato sull’Albo pretorio comunale si legge, infatti, che “Al fine di garantire una maggiore tutela della salute, appare di primaria importanza, oltre che assicurare il rispetto delle norme vigenti in materia fumo nei locali chiusi, prevedere una più stringente regolamentazione sul fumo anche in relazione alle aree all’aperto. Il tutto – prosegue l’ordinanza – sulla base del principio che l’interesse pubblico primario di tutte le amministrazioni consista nel garantire la sicurezza e la salute dei propri cittadini – in vista della quale occorre – ampliare e rafforzare il sistema delle tutele”.

Nel documento con il quale l’amministrazione comunica alla cittadinanza la decisione presa, oltre alle sanzioni amministrative nelle quali si troverebbero ad incorrere eventuali trasgressori, anche l’auspicio che la scelta adottata porti alla riduzione dei cittadini soggetti al fumo passivo, nonché quello di aumentare il numero di fumatori che smettono di fumare.

Vuoi lasciare un commento? | 0

I commenti sono chiusi.

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127