1 Aprile 2017

Paraguay, irruzione e incendio al Parlamento: almeno un morto negli scontri

Tempo medio di lettura: 2 minuti

Manifestanti sono scesi in piazza ad Asuncion per protestare contro la riforma che apre la strada alla rielezione del presidente Horactio Cartes e hanno fatto irruzione all’interno del Congresso. Gli oppositori hanno buttato giù le barriere metalliche poste dalla polizia a protezione dell’edificio e dato loro fuoco. Almeno un giovane è morto durante le proteste scoppiate.

(ANSA/AP Photo/Jorge Saenz)

Paraguay, irruzione e incendio al Parlamento: almeno un morto negli scontri. Un incendio è stato appiccato anche all’interno del Congresso e le fiamme sono state spente solo dopo “oltre una o due ore”, ha reso noto il giornalista di “el Pais” Santi Carneri intervistato dalla Bbc. Decine i feriti negli scontri, fra cui esponenti politici e agenti di polizia. Il ministro degli Interni Miguel Tadeo Rojas ha spiegato che le forze di sicurezza sono state costrette a reagire, con idranti e proiettili di gomma, per disperdere la folla.

Nella notte, un gruppo di manifestanti ha invaso la sede del Parlamento e provocato scontri con la polizia. Unità antisommossa hanno eseguito cariche, usato idranti e fucili a pallettoni per cercare di disperdere i manifestanti, che a loro volta hanno lanciato pietre e bottiglie contro le forze dell’ordine, e sono entrati nel recinto parlamentare, dove hanno appiccato un incendio. Il capo del partito liberale all’opposizione, Efrain Alegre, ha detto che un giovane è rimasto ucciso negli scontri, mentre diverse altre persone, tra cui alcuni politici, sono rimaste ferite. La protesta è scoppiata dopo che si è diffusa la notizia che 25 senatori pro governativi e dell’opposizione hanno svolto una “sessione parallela” della Camera alta nella quale hanno approvato all’unanimità la riforma costituzionale, dopo aver modificato il regolamento, che prevedeva una maggioranza di almeno 30 voti per poterla portare a termine.

La Costituzione varata in Paraguay nel 1992, dopo 35 anni di dittatura, limita il presidente a un unico mandato di cinque anni. Ma Cartes, in scadenza il prossimo anno, sta cercando di rimuovere tale vincolo con un emendamento che autorizzi un secondo mandato.

Vuoi lasciare un commento? | 0

I commenti sono chiusi.

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127