18 Gennaio 2017

Wikileaks, il soldato Chelsea Manning graziata da Obama. Repubblicani in rivolta

I leader repubblicani al Congresso hanno criticato la decisione di Barack Obama di commutare la sentenza di Chelsea Manning che permetterà all’ex analista militare transgender, in prigione dal 2010 e condannata nel 2013 da una corte marziale a 35 anni per aver consegnato a Wikileaks materiale top segret, di uscire di prigione il prossimo maggio.

(Foto © Newsly)

(Foto © Newsly)

Wikileaks, il soldato Chelsea Manning graziata da Obama. Repubblicani in rivolta. “Mentre io guidavo i miei uomini in Afghanistan, il soldato Manning ci metteva in pericolo consegnando centinaia di migliaia di documenti top secret a Wikileaks”, ha dichiarato il senatore Tom Cotton, sottolineando di “non capire perché il presidente provi compassione per qualcuno che ha messo in pericolo la vita delle nostre truppe, dei diplomatici, dell’intelligence e di alleati. Dovrebbe essere trattato come un traditore e non come un martire”.

Ancora più forte la condanna di Paul Ryan: “Questo è vergognoso, il tradimento di Chelsea Manning ha messo in pericolo la vita di americani ed esposto alcuni dei segreti più importanti della nazioni”, ha detto lo Speaker repubblicano, affermando che si rischia di creare un “pericoloso precedente” e di lanciare il messaggio che “chi compromette la nostra sicurezza nazionale non dovrà pagare per questo”.

La Casa Bianca ha annunciato la notte scorsa la riduzione della pena per Manning, che negli ultimi anni ha tentato il suicidio due volte per protestare contro il fatto di essere detenuta in una prigione maschile anche dopo la decisione di cambiare sesso, insieme ad una liste di nuove decisioni di grazia. Tra queste la misure in favore del generale dei marines a riposo James Cartwright, ex vice presidente degli Stati Maggiori Riuniti, condannato per aver mentito durante un’inchiesta su una fuga di notizie.

Nel concedere la riduzione di pena a Manning, Obama ha accolto così le richieste di chi considerava la condanna inflitta sproporzionata rispetto ad altri casi simili, e denunciava le sofferenze inflitte dal sistema penitenziario militare a Manning dopo la sua decisione di diventare donna. Una fonte della Casa Bianca ha spiegato che il presidente ha ridotto la pena perché l’ha considerata sproporzionata pur riconoscendo la “gravità dei crimini commessi e che Manning ha ammesso”.

“Il presidente crede che questi sei anni trascorsi dietro le sbarre siano una punizione sufficiente”, ha concluso affermando che questo gesto non diminuisce “la grande preoccupazione che abbiamo nei confronti dell’operato di Wikileaks”. Nei giorni scorsi il fondatore di Wikileaks, Julian Assange, si era dichiarato pronto ad accettare l’estradizione negli Stati Uniti se Obama avesse graziato Manning.

E se su Twitter Wikileaks definisce la mossa di Obama “una vittoria”, al presidente uscente arrivano, sempre via Twitter, i ringraziamenti dell’altro celebre “leaker” degli ultimi anni: “Voglio dirlo con cuore aperto e sincero, grazie Obama”, ha twittato Edward Snowden, che aveva rivolto un appello al presidente affermando che solo lui poteva “salvare la vita” a Chelsea.

La Casa Bianca ieri ha comunque escluso la possibilità di un provvedimento simile per la talpa della Cia ricordando come Snowden “sia fuggito nelle braccia di un avversario, rifugiandosi in un Paese che recentemente ha condotto un tentativo concertato di minare la fiducia nella nostra democrazia”, riferendosi alla Russia. (ADNKRONOS)

Vuoi lasciare un commento? | 0

I commenti sono chiusi.

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127