22 Dicembre 2016

“Aleppo Day”, Unicef: “Quattromila bambini in trappola, elevato rischio di morire”

Tempo medio di lettura: 2 minuti

Continua l’evacuazione dei quartieri orientali della città siriana, roccaforte dei ribelli al regime di Damasco. Il portavoce italiano del fondo Onu per l’infanzia: “In città molti orfani e senza famiglia”. Lanciata da Unicef Italia una campagna di raccolta fondi in occasione dell’#AleppoDay.

(Foto © Unicef Italia)

(Foto © Unicef Italia)

Ancora 4 mila bambini sono intrappolati ad Aleppo Est e rischiano di morire. E’ l’allarme lanciato dal portavoce di Unicef Italia, Andrea Iacomini nel giorno dell’#AleppoDay. “Sono in quel che resta della città, molti sono orfani e senza famiglia, hanno bisogno di aiuto immediato o rischiano la morte”. Mentre l’evacuazione continua, “notizie non confermate riportano anche di bambini e civili morti sui bus a causa del sovraffollamento: un fatto orribile. Occorre vigilare perché certi fatti, se confermati, non si verifichino, sarebbe paradossale, disumano”.

L’evacuazione in corso. Nella mattinata di oggi è ancora in corso l’evacuazione dai quartiere est di Aleppo, sotto monitoraggio delle Nazioni Unite. Secondo quanto fa sapere un funzionario Onu, “circa 300 veicoli sono in procinto di uscire dalla zona”. Le operazioni sono rese ancor più complicate dalle difficili condizioni climatiche e dalla neve scesa in queste ore. Migliaia di civili e combattenti stanno ancora aspettando di essere evacuati dall’ultima roccaforte dei ribelli ad Aleppo, secondo il portavoce del gruppo ribelle Ahrar al Sham, Ahmed Kara Ali, coinvolto anche nei negoziati.

L’allarme di Iacomini. “Bisogna fare in fretta — aggiunge Andrea Iacomini — perché ad Aleppo est sono finiti medicine, acqua e riscaldamento, case ed ospedali sono ridotti in macerie. È una corsa contro il tempo. Molti dei bambini evacuati non sono vaccinati. Prima dell’assedio la copertura vaccinale era appena del 30%, copertura che ora è crollata ulteriormente fino alla fine dell’assedio. I bambini di Aleppo hanno vissuto esperienze devastanti durante l’assedio ora sono esposti al trauma ulteriore della continua incertezza d’evacuazione o meno da Aleppo est ed hanno bisogno di assistenza medica immediata”.

“Oggi in occasione dell’Aleppo Day ci auguriamo che il mondo non si volti dall’altra parte e che dall’Italia parta un grande segnale di solidarietà per questi bambini che vivono un calvario senza precedenti, che non hanno voluto”, conclude.

Per donare e rimanere in contatto con l’UNICEF, cliccare qui.

Vuoi lasciare un commento? | 0

I commenti sono chiusi.

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127