16 Novembre 2016

Bruxelles, Ue: “La manovra dell’Italia potrebbe non rispettare le regole”

Tempo medio di lettura: 2 minuti

La manovra economica dell’Italia potrebbe non rispettare le regole Ue. Lo rileva la Commissione che oggi ha espresso le proprie valutazioni sulle leggi di bilancio dei vari Paesi.

EPA/LAURENT DUBRULE

Pierre Moscovici (EPA/LAURENT DUBRULE)

Bruxelles, Ue: “La manovra dell’Italia potrebbe non rispettare le regole”. Il Documento programmatico di bilancio 2017 dell’Italia, al pari di quelli di Belgio, Cipro, Lituania, Slovenia e Finlandia, configura “un rischio di inadempienza con i requisiti per il 2017 previsti dal patto di stabilità” e “potrebbe risultare in una deviazione significativa dal percorso di aggiustamento verso l’obiettivo di medio termine”. Lo comunica la Commissione europea. Per quanto riguarda i 15 Paesi nel braccio preventivo del patto, cinque (Germania, Estonia, Lussemburgo, Slovacchia e Paesi Bassi) hanno presentato documenti programmatici di bilancio che rispettano i requisiti per il 2017 previsti dal patto di stabilità; altri quattro (Irlanda, Lettonia, Malta e Austria) sono “complessivamente in linea” con i requisiti, cosa che “potrebbe risultare in qualche deviazione dal percorso di aggiustamento verso i rispettivi obiettivi di medio termine”.  Per quanto concerne i tre Paesi nel braccio correttivo, cioè sotto procedura per deficit eccessivo, la Francia è “largamente in linea” con i requisiti; la Spagna è “a rischio di inadempienza”, come il Portogallo, il quale tuttavia “potrebbe superare la soglia per una deviazione significativa per un margine molto ridotto”.

Le parole di Valdis Dombrovskis. “Per il Belgio e l’Italia, che sono attualmente nel braccio preventivo del patto e devono rispettare la regola del debito, la Commissione tornerà a breve con un rapporto sul rispetto della regola del debito”. Lo precisa il vicepresidente della Commissione Europea Valdis Dombrovskis, in conferenza stampa a Bruxelles.

Le parole di Pierre Moscovici. “Per Cipro e Italia i differenziali sono più grandi, sebbene per l’Italia una parte significativa della deviazione sia dovuta ai costi associati con l’attività sismica nel Paese, che è stata molto seria e drammatica quest’anno, e anche alla gestione dei flussi migratori. E noi ne terremo conto” sottolinea inoltre il commissario europeo agli Affari economici e finanziari, Pierre Moscovici, in conferenza stampa a Bruxelles. (ADNKRONOS)

Vuoi lasciare un commento? | 0

I commenti sono chiusi.

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127