5 Novembre 2016

Usa, hacker attaccano le reti del Cremlino a pochi giorni dalle Presidenziali

Tempo medio di lettura: 2 minuti

Venti di cyber guerra soffiano sulle elezioni americane: gli hacker dell’Amministrazione Usa sono riusciti a violare la rete di comando del Cremlino nonché le reti elettriche e i network di telecomunicazione russi, rendendoli vulnerabili, nel caso decidessero di attaccarli con armi informatiche. Lo rivela la Nbc, citando un alto funzionario dell’intelligence e documenti Top secret di cui è venuta in possesso.

Hacker Usa attaccano le reti del Cremlino a pochi giorni dalle Presidenziali. CIA: "Mossa preventiva"

(sputniknews.com)

Si tratta di una mossa preventiva ordinata dalla Cia per rispondere a eventuali cyber attacchi nel giorno delle elezioni americane dell’8 novembre. L’emittente Usa aveva riferito nei giorni scorso che gli hacker sono in possesso di documenti imbarazzanti riguardanti le politiche del presidente russo, Vladimir Putin, e alcuni intrecci di affari suoi dei più stretti alleati. Un alto funzionario della Casa Bianca ha confermato che gli Usa sono “pronti ad ogni evenienza” se viene attaccato il voto, puntando il dito contro la Russia. Il furto e la diffusione di email imbarazzanti ai danni di istituzioni e personaggi politici americani è “in linea”, ha detto, “con i metodi e le motivazioni” dei russi e sono volti ad “interferire con il processo elettorale statunitense”. Intanto, a tre giorni dall’Election Day, la democratica Hillary Clinton lotta per difendere il vantaggio, ormai di misura, sul repubblicano Donald Trump che avanza mentre infuriano le polemiche per le incursioni dell’Fbi ai danni dell’ex segretario di Stato.

Candidati al rush finale in un’America che si presenta spaccata a 72 ore dalle elezioni. L’ultimo sondaggio della Fox attribuisce alla Clinton il 45% contro il 43% del rivale mentre le proiezioni della Cnn indicano che Hillary è scesa sotto la soglia magica dei 270 grandi elettori (su 538), la maggioranza assoluta necessaria per garantirsi la presidenza. L’ex segretario di Stato sarebbe a quota 268, con Trump salito a 204. E per non correre il minimo rischio, la candidata democratica ha deciso di fare campagna anche negli Stati considerati “sicuri” come la Pennsylvania, dove ha tenuto ieri un comizio e dove tornerà lunedì, alla vigilia del voto, insieme al marito Bill Clinton, la figlia Chelsea, Barack Obama e la first lady Michele. Trump chiuderà invece la sua campagna elettorale il 7 novembre nel New Hampshire, lo Stato che nella “mappa elettorale” della Cnn è passato da “democratico” a “in bilico”, diventando quindi contendibile. (AGI)

Vuoi lasciare un commento? | 0

I commenti sono chiusi.

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127