EMERGENZA CORONAVIRUS (ATTIVITÀ APERTE E CONSEGNE A DOMICILIO ) Segnalaci la tua attività Guarda tutte le attività
8 Luglio 2016

Gli italiani del futuro pensano meno ai soldi e più a salute e figli

Tempo medio di lettura: 2 minuti

L’aspirazione degli italiani del domani non sarà più diventare ricchi ma avere figli. Preferiranno la salute alla fama e sceglieranno di diventare “nerd” piuttosto che finanzieri. E’ il ritratto degli italiani di oggi contenuto nell’indagine “Un secolo di italiani” realizzata da Coop in occasione del lancio di Italiani. Coop, uno strumento di ricerca e analisi che debutterà domani sul web.

(jumper.it)

(jumper.it)

Gli italiani del futuro pensano meno ai soldi e più a salute e figli. Il desiderio di genitorialità è specchio delle “cicatrici della crisi”, spiega Albino Russo, responsabile dell’ufficio studi Coop. “Gli italiani sono vecchi ma pragmatici e con voglia di cambiare: abbiamo il più basso numero di nascite dall’Unità d’Italia”. Nel 2065, tra l’altro, secondo le previsioni dell’Istat saremo 53 milioni, come nel 1968, e solo il 14% della popolazione sarà under 18. Il paese torna ai suoi valori storici: nella scala valoriale delle aspettative del futuro mette al primo posto la salute.

Fare soldi, invece, perde 8 punti nella scala valoriale (dal 25% di media europea al 17% italiano), studiare ne perde 4 e essere famosi 1. Avere figli ne guadagna 5 (dall’11% di media europea al 16% dato italiano). Le aspirazioni per la professione del domani guardano alla tecnologia, meno alla finanza. La maggioranza degli italiani vorrebbe occuparsi di Information Technology; al secondo posto di educazione e formazione; al terzo di ospitalità e turismo. “Il Paese si proietta nel futuro spogliandosi delle sovrastrutture e ha un atteggiamento nei confronti dei consumi molto più sobrio, crede meno nell’apparire e molto di più nell’essere”, dice ancora Russo.

Dal punto di vista dei consumi alimentari è in atto un’altra trasformazione. Se, guardando ai dati forniti dall’Ufficio studi Coop, nel decennio 1991-2000 gli italiani consumavano 87,1 chili pro capite di carne – picco più alto da sempre – nel 2016 questo valore è sceso a 80,7 chili e sta lentamente regredendo. Non è un caso che le previsioni dicono che mangeranno più carboidrati, formaggi, frutta e verdura e meno carne, meno pesce, meno dolci. Il 49% degli italiani in futuro si immagina vegetariano o vegano, mentre le preoccupazioni e le maggiori paure sul cibo derivano dalla manipolazione e dall’inquinamento ambientale.

Di certo, i figli del boom economico hanno esagerato non solo con i consumi di carne: se negli anni ’30 era ancora sotto nutrito un terzo degli italiani, oggi il 59% della popolazione è sovrappeso e il 21% è considerato obeso dall’Oms. Sarà per questa ragione che adesso gli italiani sono molto sensibili ai contenuti di freschezza e naturalità dei prodotti alimentari (si dichiarano tali il 62% del campione a fronte di una media Ue del 51%) con distacco superiori ai 10 punti percentuali rispetto agli altri europei. Un divario che esplode, con quasi 20 punti di differenza, nella sostenibilità ambientale dell’azienda o del prodotto.

Sul versante economico, gli italiani non sembrano preoccupati dai loro debiti: poco più di uno su tre (34%) è spaventato all’idea di doverli pagare (ci sono picchi del 50% in Ungheria o del 16% in Lituania, ma la media Eu è 32) e uno su due dichiara di non averli. Ciò nonostante gli italiani sono pessimisti rispetto alle loro finanze nel futuro. Neanche due su dieci pensano di risparmiare abbastanza e 36 su 100 stanno risparmiando, ma non hanno idea se basterà per un domani. Il restante, quasi un italiano su due, non sta affatto risparmiando. (ADNKRONOS)

Vuoi lasciare un commento? | 0

I commenti sono chiusi.

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127