4 Giugno 2016

Domani la Giornata dell’ambiente, ecco alcune specie minacciate. Lotta contro commercio illegale

Tempo medio di lettura: 2 minuti

Domani si celebra la Giornata mondiale dell’ambiente, designata dalle Nazione Unite nel 1972. Mentre l’Onu continua a lottare contro il commercio illegale e il bracconaggio iIl ministero dell’Ambiente compie 30 anni. Lunedì sono previste alcune iniziative in tutta Italia.

(lifegate.it)

(lifegate.it)

Domani la Giornata dell’ambiente, ecco alcune specie minacciate. Lotta contro commercio illegale. Tolleranza zero contro il bracconaggio e il commercio illegale di piante e animali selvatici, che alimentano un giro d’affari plurimiliardario in mano alle organizzazioni criminali mentre privano interi Paesi del loro patrimonio naturale. In un momento in cui l’attenzione internazionale su zanne d’elefante e corni di rinoceronte sembra più alta, le Nazioni Unite si schierano contro il traffico di natura, dedicando al problema la Giornata mondiale dell’ambiente che ricorre il 5 giugno.

I riflettori sono puntati su otto specie – orango, tigre, elefante, rinoceronte, tartaruga marina, pangolino, bucero dall’elmo (un uccello) e, per la flora, il palissandro – ma sono solo una piccola frazione di quelle minacciate. “Il commercio illegale è un grave motivo di allarme. Migliaia di specie selvatiche vengono spinte sempre più vicino all’estinzione”, sottolinea il segretario generale dell’Onu, Ban Ki-moon. Chi si macchia di tali reati “è motivato esclusivamente dal guadagno a breve termine, a scapito dei benefici a lungo termine per le comunita’ e gli habitat”.

Designata nel 1972 dall’assemblea generale delle Nazioni Unite per ricordare la Conferenza di Stoccolma in cui fu istituito l’Unep, cioè il Programma dell’Onu per l’Ambiente, la Giornata vedrà quest’anno l’Angola ospitare l’evento principale. Sono però diverse centinaia gli appuntamenti in programma nel mondo: classiche passeggiate nel verde dalla Grecia al Galles, dalla Malesia alle montagne del Kashmir; una marcia per la natura in Messico; tavole rotonde in Birmania, Svizzera, Costa Rica. A Barcellona i 100mila spettatori del Moto Gp della Catalogna saranno sensibilizzati sul tema dei rifiuti, mentre allo stadio nazionale di Bagkok verranno esposte immagini a grandezza naturale di tigri, elefanti e rinoceronti. A Mosca si faranno letture ambientaliste sul sellino della bici; in Tanzania si metteranno a dimora 100mila alberi.

In Italia sono varie le iniziative lungo tutto lo Stivale, anche se la più attesa si terrà lunedì 6 giugno. Al ministero dell’Ambiente, infatti, andrà in scena una doppia festa che insieme alla Giornata mondiale celebrerà i primi 30 anni del dicastero, istituito nel 1986 dall’allora ministro dell’Ecologia Valerio Zanone. Alla cerimonia, voluta dall’attuale ministro Gian Luca Galletti, partecipano, tra gli altri, il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella e i presidenti di Camera, Laura Boldrini, e Senato, Pietro Grasso. (ANSA)

Vuoi lasciare un commento? | 0

I commenti sono chiusi.

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127