18 Maggio 2016

Grillo: “Io e Casaleggio come il Leicester. Ora governo o a casa”

Tempo medio di lettura: 2 minuti

“La battaglia è all’ultimo sangue. Ce la giocheremo tutta. Se si vince a Roma…”. Così Beppe Grillo, che a Napoli ha incontrato i giovani di Optima Italia. Grillo poi da Napoli si è spostato a Roma dove ha avuto un faccia a faccia con Virginia Raggi.

(livesicilia.it)

(livesicilia.it)

“Grillo: “Io e Casaleggio come il Leicester. Ora governo o a casa”. “O in un anno – dice Grillo – gli italiani decidono di darci una possibilità, o ce ne andiamo a casa. Ma c’è un pericolo, se andiamo a casa noi: come in tutta Europa arrivano le destre quelle forti. Noi abbiamo arginato Forza Nuova, Casapound ma in tutta Europa si sta riformando il nazismo”. “Noi abbiamo un anno, anno e mezzo di autonomia nervosa perchè non possiamo fare ancora cinque anni di opposizione: è pericoloso per la gente, è frustrante. Noi siamo opposizione finta, nel senso che siamo messi in un angolo. Fanno decreti legge, una legge con qualsiasi cosa e la votano. La nostra è un’opposizione insignificante e traumatica. O in un anno gli italiani decidono di darci una possibilità, se no ce ne andiamo a casa”. Lo ha detto Beppe Grillo, incontrando a Napoli i giovani di Optima Italia.

Grillo fa anche un paragone tra il movimento e il Leicester di Ranieri. “Io e Casaleggio, siamo un miracolo. Come il Leicester. La dimostrazione che i miracoli succedono. Senza soldi, con un computer, abbiamo fondato un movimento politico. Non ci credeva nessuno ma se non immagini il futuro non arrivi”.  “Dietro l’immaginazione c’è sempre qualcosa per gli altri. Questo ha spiazzato tanti: la rinuncia ai soldi, ai rimborsi. 42 milioni facevano comodo. Erano tanti. Ma abbiamo scelto un’altra strada. Io ero un privilegiato, un comico, a posto finanziariamente, mi sentivo in obbligo di fare qualcosa per gli altri”, ha aggiunto ricordando che il Movimento 5 Stelle “è nato il 4 ottobre, è un movimento francescano, nato prima di Papa Bergoglio. Solidarietà, il nessuno deve rimanere indietro le parole che nessuno aveva il coraggio di dire. Abbiamo spiazzato tutti”.

“Napoli è una riserva indiana, una non città-città. Qui la camorra è diventata folclore, una Cinecittà. Portano i turisti a vedere dove è avvenuto il delitto che è stato rappresentato in una serie tv”. Lo dice Beppe Grillo, a Napoli a Optima Italia. “Qui il traffico è come internet, ha dei flussi. Si sono spenti i semafori per una settimana; non se ne è accorto nessuno ma è l’unico modo perchè il flusso possa andare. Per gestire la città ci sono intelligenze e fantasia. Tutti i grandi tecnici, artisti che conosco hanno Dna del Sud”.

“Serve un algoritmo: se tradisci il programma vieni espulso“, ha detto Beppe Grillo a Napoli. “Noi – ha spiegato – stiamo lavorando a un programma, il cosiddetto ‘blockhain’, cioè le catene di blocco per l’informazione criptata. Hai un algoritmo e non ci sono intermediari. Se usato in politica potrebbe essere interessante: se un parlamentare che hai votato non segue il programma viene automaticamente espulso”. “Scrivono che ogni tanto mandiamo via qualcuno. Noi – ha concluso – vorremmo fare proprio il contrario: se eleggiamo qualcuno nei 5 Stelle lo mandiamo via subito. Poi, man mano che segue il programma lo ammettiamo nel movimento. Naturalmente è una battuta…”. (ANSA)

Vuoi lasciare un commento? | 0

I commenti sono chiusi.

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127