EMERGENZA CORONAVIRUS (ATTIVITÀ APERTE E CONSEGNE A DOMICILIO ) Segnalaci la tua attività Guarda tutte le attività
29 Febbraio 2016

Migranti, profughi sfondano barriera tra Grecia e Macedonia. Iniziato lo sgombero della “Jungle” a Calais

Tempo medio di lettura: 2 minuti

Gruppi di migranti sono riusciti a sfondare un tratto della barriera al confine tra la Grecia e la Macedonia per cercare di entrare in Macedonia. La tensione è alta da questa mattina. Intanto è iniziato lo sgombero della “Jungle” di Calais.

(ANSA/AP Photo/Petros Giannakouris)

(ANSA/AP Photo/Petros Giannakouris)

Migranti, profughi sfondano barriera tra Grecia e Macedonia. I migranti che hanno sfondato la barriera sono stati respinti dalle autorità macedoni. Al grido di “Aprite il confine”, i profughi hanno lanciato sassi contro la polizia macedone che ha risposto con gas lacrimogeni. Questa mattina qualche centinaia di migranti – circa 500 secondo la polizia – avevano oltrepassato il cordone di sicurezza formato dai poliziotti greci e avevano raggiunto il cancello usato per il traffico ferroviario tra i due paesi. Per il momento non ci sono notizie di arresti o feriti legati agli scontri. Circa 6.500 persone si trovano al confine su territorio greco, alcune delle quali anche da otto giorni, con riserve molto limitate di acqua e cibo. Da parte loro, le autorità macedoni lasciano passere solo un numero molto limitato di migranti ogni giorno.

La situazione a Idomeni, al confine tra la Grecia e la Macedonia è drammatica. Nei giorni scorsi l’allarme della Grecia: tra i “50.000 e i 70.000” rischiano di rimanere bloccati nel Paese a marzo dopo la stretta agli ingressi decisa dai Paesi balcanici. “La Grecia – ha detto ministro delle politiche migratorie di Atene, Ioannis Mouzalas – non accetterà di diventare il Libano d’Europa e di trasformarsi in un magazzino di anime, anche se questo comporta un aumento di fondi”.

Via allo sgombero della “Jungle” di Calais. Secondo i media francesi, circa 55 automezzi della polizia sono arrivati nella tendopoli più grande di Francia. Gli agenti hanno ordinato ai migranti di lasciare volontariamente la parte sud del campo o saranno costretti all’uso della forza. Secondo il giornalista del Figaro, Jean-Marc Leclerc, sul posto ci sono circa duecento agenti “in azione”. Giovedì scorso, il tribunale amministrativo di Lille aveva dato il proprio via libera all’ordinanza della polizia per l’evacuazione della parte sud della “Jungle” di Calais. Il governo di Francois Hollande ha assicurato che a tutti i migranti mandati via verrà proposta un’alternativa tra container riscaldati e centri d’accoglienza, ma le Ong che operano sul posto ritengono che i posti letto non siano sufficienti. Secondo le associazioni, sono oltre 3.400 i rifugiati e richiedenti asilo che devono lasciare la parte sud del campo, circa un migliaio secondo la prefettura. (ANSA)

Vuoi lasciare un commento? | 0

I commenti sono chiusi.

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127