10 Dicembre 2015

Cinema: recensione e trailer di “The Visit”, il nuovo film horror di M. Night Shyamalan

Tempo medio di lettura: 2 minuti

(Recensione di Alessandro Pascale per “storiadeifilm.it“) – “The Visit” è un film di M. Night Shyamalan, con Olivia DeJonge, Ed Oxenbould, Deanna Dunagan e Peter McRobbie, Kathryn Hahn. E’ uscito nelle sale cinematografiche italiane lo scorso 26 novembre.

Paula è una donna separata e madre di due ragazzini: Rebecca, adolescente, ed il piccolo Tyler, di tredici anni. Da circa quindici anni non ha più alcun rapporto con i suoi genitori, colpevoli di non avere mai accettato la sua relazione sentimentale con il padre naturale dei suoi figli, considerato dalla coppia non adatto poiché molto più grande di lei. Tuttavia, un giorno, su insistenza degli anziani, Paula decide di mandare i suoi figli per una settimana nella loro casa in Pennsylvania per farglieli conoscere. I ragazzi scopriranno però ben presto che i loro nonni presentano molte stranezze, alcune delle quali alquanto spaventose…

Sorprende non poco l’ultima opera di Shyamalan uno degli autori più noti del cinema americano contemporaneo, nonché uno tra i più discontinui: capace di sorprendere con opere raffinate e popolari come “Il sesto senso” e “The Village”, ma anche di precipitare in veri e propri orrori come E venne il giorno, seguito da altri costosi blockbusters non esaltanti e di scarso successo come “L’ultimo dominatore dell’aria” e “After earth”. “The Visit” svolta completamente, abbandonando scenari fantascientifici e ritornando in un ambiente modesto e pacato quale la vita familiare di campagna. Stop alle tematiche fantasy e cripto-ambientaliste sulla natura per calarsi nel genere dell’avventura. declinato in un sottile ma proficuo equilibrio tra il romanzo adolescenziale di formazione e il thriller  che non rinuncia agli strumenti stilistici dell’horror.

Il tutto viene arricchito dalla riflessione della crisi della famiglia moderna: i due bambini protagonisti sono stati abbandonati dal padre e rimasti soli con la madre, la quale a sua volta ha rotto fin da giovanissima con i propri genitori (i loro nonni). La difficoltà è quindi inter-generazionale, seppur motivata da ragioni diverse, e l’obiettivo del film è quindi anche avviare una riflessione che possa portare ad una ricomposizione anzitutto psico-sociale, oltre che materiale. Perché ciò possa avvenire è dovuto però avvenire un evento altamente traumatico, che rende la soluzione dei problemi forse tardiva ma comunque proficua, dando un taglio ottimistico all’opera. The Visit però è molto di più che una riflessione sociologica: stupisce anzitutto il… (per continuare a leggere la recensione cliccare qui –>> “storiadeifilm.it”).

Vuoi lasciare un commento? | 0

I commenti sono chiusi.

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127