EMERGENZA CORONAVIRUS (ATTIVITÀ APERTE E CONSEGNE A DOMICILIO ) Segnalaci la tua attività Guarda tutte le attività
18 Novembre 2015

Parigi: blitz a Saint Denis contro la “mente degli attentati”. Ancora esplosioni, morti e feriti

Tempo medio di lettura: 2 minuti

Blitz della polizia francese nel covo dei jihadisti, nel centro di Saint Denis, a 800 metri dallo Stade de France. L’obiettivo sarebbe il belga Abdelhamid Abaaoud, la presunta mente degli attentati di Parigi. Durante l’assalto sono morti 2 terroristi e 5 persone sono state arrestate, secondo l’ultimo bilancio. I terroristi uccisi sono una donna, che si è fatta saltare in aria azionando una cintura esplosiva dopo i primi colpi d’arma da fuoco sparati dalla polizia, e un uomo, abbattuto dai cecchini. Ecco la diretta Youtube di “France24”.

Cinque persone sono state arrestate nel corso dell’operazione: tre uomini che si trovavano nell’appartamento preso d’assalto dalle forze di sicurezza e di cui non si conosce ancora l’identità, e un uomo e una donna che si trovavano nelle vicinanze. I sospetti avrebbero progettato un attacco al quartiere de La Défense, a Parigi. Lo rendono noto fonti citate da France 24. Escluso che tra gli arrestati ci sia Abdelhamid Abaaoud, considerato la ‘mente’ degli attacchi. Nel blitz sono rimasti lievemente feriti anche cinque agenti di polizia, mentre un cane poliziotto è rimasto ucciso. Una o due persone sarebbero ancora asserragliate all’interno dell’appartamento all’angolo tra rue de la République e rue de Corbillon.

Le forze di polizia hanno lanciato l’operazione poco prima delle 4.30 di stamani nel sobborgo a nordest di Parigi. Forti detonazioni sono state sentite intorno alle 7:30 e almeno una sarebbe stata provocata dalla donna kamikaze che si è fatta esplodere. Dopo il blitz, il quartiere è stato completamente isolato. Posti di blocco sono stati istituiti tra Saint Denis e la Capitale, dove viene fermata e perquisita ogni auto in transito. Interrotti i collegamenti bus e chiuse le linee della metro. Rue de la République è completamente sigillata dalle forze di sicurezza e dai mezzi soccorso. Le vetrine di questa strada molto nota per lo shopping sono tutte completamente chiuse. Rilasciati intanto i familiari di Omar Ismail Mostefai e Samy Amimour, due dei terroristi del Bataclan, fermati dopo gli attentati di Parigi.

Non ci sono sospetti in fuga, ha intanto assicurato dal canto suo il ministro dell’Interno francese Bernard Cazeneuve, parlando con i giornalisti del blitz lanciato a Saint-Denis. “Nessun sospetto è in fuga”, ha dichiarato.

“Non ero consapevole che si trattava di terroristi”. E’ quanto ha assicurato ai microfoni di Europe 1 il proprietario dell’appartamento situato a al numero 8 di rue du Corbillon, dove si erano nascosti alcuni dei responsabili degli attacchi di Parigi. “Io non li conoscevo”, ha detto l’uomo spiegando che “un amico mi aveva chiesto di ospitare due dei suoi amici per un paio di giorni. Gli ho detto che non c’era nessun materasso, mi hanno risposto che andava bene così, avevano bisogno solo di acqua e di uno spazio per le preghiere. Quando ho richiamato il mio amico, mi ha informato che venivano dal Belgio”. (ADNKRONOS)

Vuoi lasciare un commento? | 0

I commenti sono chiusi.

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127