19 Luglio 2014

Estate, aumenta la qualità delle acque italiane balneabili. L’87,7% è eccellente

Tempo medio di lettura: < 1 minuto

Aumenta la qualità delle acque di balneazione italiane: risulta a norma il 96,6% del totale, mentre l’87,2% è eccellente, valore in crescita rispetto all’85,1% dell’anno precedente. Aumentano anche però le acque di mari laghi e fiumi di qualità scarsa, che rappresentano il 2,5% sul totale nazionale, mentre il restante circa 10% è considerato sufficiente.

La spiaggia di Porto Cesareo, in Puglia (25aprilepuglia.it)

La spiaggia di Porto Cesareo, in Puglia (25aprilepuglia.it)

Il Rapporto europeo sulla qualità delle acque di balneazione. E’ questa la fotografia scattata dal Rapporto europeo 2014 sulla qualità delle acque di balneazione, pubblicato sul sito del ministero della Salute. La Commissione europea, infatti, ai sensi della Direttiva 2006/7/CE, verifica annualmente la qualità delle acque di balneazione marine ed interne e pubblica, sulla base dei dati di monitoraggio degli Stati Membri, i valori di conformità rispetto alla presenza di enterococchi intestinali ed eschirichia coli.

Il miglioramento nel 2013 rispetto al passato. Secondo i dati, relativi all’anno 2013, l’incremento di qualità delle acque balneabili marine, è del 2,2% rispetto al 2012, mentre il miglioramento è del + 1,7% per quelle di fiumi e laghi. Quanto alle acque di qualità scarsa, dovute anche della forte antropizzazione delle nostre coste, sottolinea il rapporto, con il nostro 2,5% vantiamo comunque una percentuale più bassa di altri Stati europei come la Francia 3% e la Spagna 3,3%.

Vuoi lasciare un commento? | 0

I commenti sono chiusi.

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127