Besozzo | 23 Novembre 2021

“Uniti contro la violenza sulle donne”, a Besozzo tante iniziative per il 25 novembre

Giovedì e sabato in programma incontri informativi ed eventi per sensibilizzare e fornire informazioni sugli aiuti per le donne vittime di violenza. Ecco i dettagli

Tempo medio di lettura: 2 minuti

L’amministrazione comunale di Besozzo, in occasione del 25 novembre, Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, intende proporre diverse iniziative di sensibilizzazione.

Giovedì 25 novembre alle ore 10.00 presso il Mercato Comunale e, in caso di maltempo, sotto i portici di via XXV Aprile, si terrà l’evento Le panchine rosse dalla cultura della violenza alla cultura del rispetto proposto e finanziato dal Sistema Bibliotecario dei Laghi. L’attrice Liliana Maffei interpreterà racconti di storie vissute; saranno presenti punti informativi delle Associazioni Eos Centro Ascolto Donna, tra i promotori dell’evento, e Donna Sicura.

“Abbiamo scelto di aderire a questa iniziativa insieme ad altri Comuni del territorio portando questo importante messaggio in luoghi frequentati e di passaggio – afferma l’assessore alla Cultura Silvia Sartorio – proprio perché è necessario informare tutti della presenza di aiuti concreti a cui le donne possono fare riferimento quali il numero 1522 attivo 24 ore su 24 su tutto il territorio italiano”.

Sabato 27 novembre alle ore 11.00, presso la Casa delle Persone in via Mazzini 24, si terrà invece un incontro informativo dal titolo L’amore non fa male in collaborazione con l’associazione Donna Sicura. Così la vice presidente Rosalina Di Spirito: “La nostra associazione è presente sul territorio da Travedona a Sesto Calende fino a Luino con Angelica, storica volontaria, e tutte le altre volontarie,  e ha garantito, anche durante il periodo della pandemia, un punto di riferimento contro la violenza sulle donne. Le richieste di aiuto sono fortemente aumentate e questa costante presenza attiva, anche nella cittadina di Besozzo, ha reso tangibile un aiuto alle donne. Con il Comune di Besozzo è stato possibile costruire un cammino insieme anche con le associazioni che, nella Casa della Persona, costruiscono un   percorso di speranza”.

“Racconteremo vissuti, forniremo utili informazioni – commenta Francesca Pianese, moderatrice dell’incontro – e scopriremo insieme il reddito di libertà, importante novità inserita nel Decreto Rilancio, di particolare aiuto per donne che subiscono violenze”.

Interverranno la vice presidente Rosalina Di Spirito, l’avvocato Romana Perin, la volontaria di Donna Sicura Angelica De Mare, insieme alle associazioni della Casa delle persone che si trovano a vivere anche questo problema con alcuni dei loro utenti: Younes Asnar (associazione comunità marocchina per l’integrazione e la solidarietà), Maria Rosa Mattioni (Centro Aiuto alla Vita) e Osvaldo Serafini (Centro di Ascolto Caritas). Si parlerà del progetto Vivavittoria, con intervento telefonico della presidente Antonia Calabrese e della raccolta dei quadrotti di lana su Besozzo con le volontarie del Centro Divers’età.  Interverrà anche Rossana Antonetti, Presidente del comitato commercianti di Besozzo con la consigliera Elena Franzetti.

Rappresenta un segnale importante, la collaborazione con la scuola media Adamoli. I ragazzi di terza media esporranno all’ingresso della Casa delle Persone riflessioni e pensieri su questo importante e delicato tema.

“Tutti i giorni leggiamo di episodi di violenza sulle donne e rischiamo di ‘abituarci’ – commenta l’assessore ai Servizi Sociali Enrica Bellorini – e di leggerli con superficialità insieme a tante altre notizie, pronti a rimuoverle come facciamo con le vittime sul lavoro o sulla strada, senza più empatia né sdegno. Per questo sono importanti momenti collettivi per tener alta la guardia e perché il male non venga mai banalizzato”.

L’accesso è consentito previa esibizione di Green Pass. Per informazioni è possibile inviare una mail all’indirizzo casadellepersone@gmail.com.

Vuoi lasciare un commento? | 0

Lascia un commento

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127