Luino | 20 Ottobre 2021

Luino, la storia del piccolo “Giovannino” e il grande insegnamento per la comunità

A raccontare l'episodio è l'amministrazione: protagonisti il sindaco Enrico Bianchi, quale tutore legale dei minori assistiti dal Comune, e l'assessore Elena Brocchieri

Tempo medio di lettura: 4 minuti

“Benedetti siano gli istanti, i millimetri e le ombre delle piccole cose” (Fernando Pessoa). Inizia così, con questa citazione del celebre scrittore portoghese, una storia resa nota dall’amministrazione comunale di Luino, che riguarda un giovane ragazzino, il sindaco Enrico Bianchi e l’assessore ai Servizi Sociali Elena Brocchieri.

A volte capitano situazioni inaspettate. Capitano a tutti, anche ai sindaci. I sindaci sono per legge i tutori legali di un certo numero di minori assistiti dai Servizi sociali. In altre parole sono un po’ i loro papà e le loro mamme. Capita anche che uno di questi bambini debba essere sottoposto ad un piccolo intervento chirurgico ed allora, come a tutti i papà e a tutte le mamme, capita venga richiesto al sindaco di stare vicino al proprio “figlio”, durante le visite del pre-ricovero ed il giorno dell’intervento.

Giovannino, che è un nome di fantasia per tutelare il ragazzino, è proprio uno di questi “figli” del sindaco di Luino e deve sottoporsi ad un piccolo intervento. “Giovannino – commentano da Palazzo Serbelloni – è un bel bambino paffutello, già grandino, che nella sua breve vita ne ha già viste di tutti i colori: vive in un istituto assieme a tanti altri bambini che hanno vissuto esperienze simili alle sue e sono in attesa di qualcosa che neanche riescono ad immaginare… una famiglia, un po’ di affetto e di serenità, qualche regalo, magari qualche vacanza chissà. È ben assistito e Pietro (anche lui nome di fantasia, ndr), che accompagna Giovannino in questa forse incomprensibile nuova esperienza. È molto attento ai suoi bisogni e si vede che è portato per il ‘mestiere che fa. Si capisce dalla dolcezza con cui si relaziona con Giovannino”.

Capita, però, che al sindaco venga chiesto dalla Direzione sanitaria di essere il papà di Giovannino anche in questi due giorni ospedalieri. C’è poco da fare – continuano -, la clinica richiede che il tutore legale sia presente e quindi il sindaco non può mancare ai suoi doveri e deve stare lì con Giovannino. Anche se non lo conosce per niente, salvo le pratiche che lo riguardano ricevute dai servizi Sociali, che ha letto con attenzione ma senza particolare trasporto, per poi firmare per approvazione”.

A poco servono le ulteriori richieste di poter delegare: la Direzione sanitaria è irremovibile, se il sindaco è il tutore deve stare a disposizione con Giovannino per questi due giorni. Il sindaco, infatti, reclama i suoi doveri con i numerosi impegni: il territorio, i rifiuti, la manutenzione, i servizi scolastici, quegli appuntamenti così importanti, la questione ospedaliera e così via. Un lungo elenco di problemi da cercare di risolvere.

Non c’è niente da fare il sindaco si deve presentare all’ospedale. “A volte capita che agli imprevisti si accompagnino gesti di aiuto e solidarietà che in questa storia vengono impersonati dall’assessore ai Servizi sociali che si trasforma in una specie di fatina per Giovannino – continuano dall’amministrazione -. Decide di accompagnare il sindaco, di fargli compagnia, di aiutarlo nell’assistenza e lo incita con poche frasi ma efficaci del tipo ‘sei già padre di 3 figli – molto più fortunati – in questa occasione devi esserlo anche per Giovannino!’”.

La ‘fatina’ assessora pensa proprio a tutto – proseguono ancora -: gli orari di partenza, le indicazioni stradali, i contatti telefonici e soprattutto un regalo per Giovannino. Non dimentica nulla, posticipa i suoi impegni e porta avanti quelli che riesce via cellulare”.

L’incontro con Giovannino all’ospedale è al mattino presto, così partono in direzione Como passando in strade molto trafficate. I primi momenti sono strani, un incontro inaspettato lo è sempre, anche perché il sindaco non riesce a comprendere subito quale sia il suo ruolo ed aspetta indicazioni da qualche medico o infermiere. La sua mente è ancora ferma alle pratiche burocratiche, ma Giovannino non è una pratica burocratica. E’ un bambino che parla poco, legge con fatica, si relaziona con gli altri con qualche difficoltà. Quando ti guarda, però, si capisce che si apre un mondo fatto di domande non espresse, di occhi che ti osservano un po’ e poi fuggono via, e un’abitudine ad essere considerato un problema o indifferenza per il mondo che lo ha sempre circondato.

“Quando la ‘fatina’ assessora gli porge il piccolo regalo – vanno avanti a raccontare ancora da Palazzo Serbelloni -, che era proprio quello che desiderava, resta sorpreso e combattuto tra una felicità inattesa e la voglia di scappare via perché questa è un’emozione troppo forte e tutto potrebbe anche non essere vero. Il sindaco si sottopone al tampone con Pietro e Giovannino, che quasi ci tiene a mostrare che non ha paura, e resta tranquillo”.

L’intervento svoltosi tre giorni dopo non era complicato e si è risolto benissimo; il risveglio e tutto il resto si è risolto senza problemi, ma il sindaco? “Il sindaco ha imparato – spiegano ancora dalla maggioranza -, o forse sarebbe meglio dire, ha ritrovato tutto quello che in quest’ultimo anno tra problemi e impegni gravosi aveva quasi scordato: il senso vero e le ragioni del suo impegno per la città. Non è solo nelle grandi opere che si progettano, negli eventi culturali e promozionali che si propongono, nelle colonne o nelle vasche con le loro problematiche (tutte cose importanti sulle quali comunque un sindaco si deve impegnare a fondo), ma occorre qualcosa in più”.

Per ritrovare questo senso occorre quella attenzione un po’ smarrita nei giorni e che questo incontro con Giovannino ha fatto riemergere. Sono state forse piccole cose, ma sono i suoi occhi di stupore quando apre il regalo, quando non riesce a dirti che è contento di averti conosciuto e quanto avrebbe voglia di rivederti. Sono i gesti amorevoli di Pietro che vivendo il suo lavoro con passione e gentilezza, invitano a guardare la realtà, a viverla con attenzione per l’altro, spesso nascosto e invisibile ad uno sguardo solitamente distratto ed indifferente”, concludono.

Insomma, un’esperienza inattesa che sostiene un cammino quotidiano con infinita semplicità.

Vuoi lasciare un commento? | 0

Lascia un commento

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127