EMERGENZA CORONAVIRUS (ATTIVITÀ APERTE E CONSEGNE A DOMICILIO ) Segnalaci la tua attività Guarda tutte le attività
Besano | 14 Ottobre 2021

Besano, Mulas svela il suo vice e gli assessori: il consiglio comunale si riunirà martedì

Dopo i festeggiamenti il primo cittadino, riconfermato, è tornato subito al lavoro: "Diverse priorità, già individuate prima della campagna elettorale"

Tempo medio di lettura: 4 minuti

Dopo la vittoria alle elezioni amministrative e i consueti festeggiamenti di lunedì sera, il sindaco di Besano Leslie Giovanni Mulas nella giornata di ieri ha ufficializzato la sua giunta confermando l’incarico di vicesindaco a Flavia Gervasini, con la delega ai Servizi Sociali, e attribuendo il ruolo di assessore ai Lavori Pubblici e Manutenzione a Marco Muraglia.

Diverse le deleghe affidate agli altri consiglieri comunali eletti: oltre che capogruppo di maggioranza, Serena Armagno ha anche la delega alla Scuola, mentre le deleghe a Commercio e Politiche Turistiche sono andate ad Antonella Calabria. le deleghe alla Cultura e alle Associazioni, invece, sono state affidate a Valeria Bianchi, mentre Fulvio Rinaldi sarà il responsabile dello Sport. A chiudere, invece, Niccolò Panigada, che segue i Rapporti con Enti ed Istituzioni Sociosanitarie.

Il consiglio comunale di insediamento si terrà martedì 19 ottobre alle ore 21 in sala consiliare: l’accesso sarà consentito a massimo trenta spettatori.

Nel frattempo abbiamo raggiunto il sindaco in Comune, per intervistarlo. Sindaco, ad oltre dieci giorni di distanza, come reputa l’esito delle elezioni?

Siamo veramente soddisfatti; abbiamo ottenuto 155 voti in più, 155 persone che non ci avevano votato 5 anni fa, che ci hanno premiato per la fiducia. Potevano stare a casa e invece hanno scelto noi. Inoltre avere una tra le affluenza più alte del Varesotto ci gratifica molto, significa che il buon lavoro paga. Siamo orgogliosi di questo risultato.

E ora quali sono le vostre priorità che avete in sospeso dallo scorso mandato?

Avevamo deciso di ampliare il servizio “Dopo scuola” per quattro giorni a settimana. Era una cosa che avremmo lasciato in mano alla successiva amministrazione, ma settimana prossima posso dire che finalmente ripartirà dopo aver messo a punto gli ultimi dettagli. È un servizio, attivato da noi qualche anno fa, a cui teniamo molto e che interessa decine di famiglie. Ci sarebbe spiaciuto non portarlo avanti. Un altro lavoro prioritario è quello della sistemazione del cimitero, un investimento di circa un centinaio di migliaia di euro che comprende l’abbattimento delle barriere architettoniche e la manutenzione straordinaria. Il progetto è stato già deliberato. Un altro grande lavoro che dovremo compiere è quello del riallestimento del Museo. Oltre a questo costruiremo l’edificio che ospiterà gli spogliatoi e i servizi igienici nei pressi del campo da basket, un intervento che si inserisce nel parco che andremo a rifare. 

Di cosa si tratta?

Ricreeremo una nuova area sportiva per i ragazzi e verrà realizzata anche un salone polivalente. Sono piccoli ma grandi tasselli che andranno a trasformare e a completare il paese, un’idea di comunità che vogliamo portare avanti. Avremmo già dovuto completare questi progetti, ma il Covid ci ha permesso di realizzare solo il campo da gioco di basket che è sempre pieno di ragazzini che arrivano anche da paesi limitrofi.

Ci sono anche progetti nuovi?

Senza dubbio il più importante è il campo da calcio e tutta l’area intorno. Ora il manto è in sabbia, noi dobbiamo capire se farlo in erba oppure se in sintetico. Sempre in questa zona realizzeremo un parco giochi per i bambini. A questo si aggiunge l’importanza del nostro sito Unesco, quello del Monte San Giorgio, con uno sviluppo da portare avanti e concludere; a parte il museo, infatti, avendo la montagna, è fondamentale creare attrazioni e motivi in più per portare i turisti a visitare la montagna. Vogliamo aprire il parco Rio Ponticello e anche le vecchie miniere. A breve ci sarà la messa in sicurezza, mentre successivamente effettueremo indagini per riuscire ad allestire gli interni. Si tratta di un progetto Interre che penso che prima del 2023 si riuscirà a terminare, ma abbiamo già una visione di tutto il lavoro da compiere. Vogliamo valorizzare appieno questo sito per renderlo accessibile.

Cosa significa per Besano avere un sito Unesco?

È una grandissima ricchezza. Il cuore del sito nella parte italiana è di Besano e qui ha sede anche il Museo. Vogliamo sviluppare il paese in questo senso, creando un indotto per il turismo che porti gli stranieri a scoprire il nostro contesto naturalistico e paesaggistico, che già ci aiuta molto. Un mandato per sviluppare tutte le idee che abbiamo in mente non era sufficiente.

Quali criticità vi hanno segnalato i cittadini durante la campagna elettorale?

Il nostro programma elettorale è stato frutto dell’esperienza in questi cinque anni, sapevamo già le cose che volevamo fare e non eravamo ancora riusciti a portare a termine. Il nostro stare in mezzo alla gente ci ha consentito di fatto di capire i problemi e le esigenze dei cittadini in fase di stesura del programma.

In che modo continuerete a rapportarvi con enti sovracomunali, anche in relazione a progetti o iniziative che riguardano l’intero Ceresio?

Le collaborazioni con enti e paesi limitrofi è sempre auspicabile, soprattutto in un’ottica di omogeneità del territorio. Io, ad esempio, non sono pro fusioni, ma mi trovo in perfetto accordo con le convenzioni dei servizi laddove possibile. Se Comunità montana riesce ad erogare servizi per i Comuni penso sia una strada da non abbandonare, anzi da incentivare il più possibile. Nel programma abbiamo inserito anche la realizzazione della pista ciclabile: non solo Besano ma interessa tutta la valle, mentre Comunità montana sta costruendo alcuni tratti. Crediamo in questo progetto, coinvolgendo tutti i Comuni. A Besano stiamo studiando qualche percorso che parte direttamente dal paese e si ricongiunga con il lago. Sono in corso altri lotti, che si collegheranno alla Valganna. Creare una rete dell’alto Varesotto è importantissimo, sarebbe miope non partecipare. Se Alfa srl, invece, ha rilevato negli scorsi mesi l’intero impianto, stiamo lavorando per acquisire da Enel la rete dell’illuminazione pubblica e trasformarla interamente a led.

Un’ultima domanda… come immagini Besano tra cinque anni?

Me la immagino come me la sono immaginata la prima volta che mi sono candidato, con la stessa visione di cinque anni fa. Volevo una Besano più curata e ordinata, che potesse offrire sempre più servizi ai cittadini in paese. Una Besano a misura di famiglia garantendo una qualità di vita buona, rendendola sicura e offrendo spazi verdi e tranquilli alle famiglie. I primi risultati si sono visti, ora andiamo avanti. Vogliamo che Besano diventi attrattiva anche da fuori: nel centro storico abbiamo riqualificato alcune strade, e continueremo ad effettuare interventi. Una grande soddisfazione ci è stata data in campagna elettorale: ho conosciuto un imprenditore che ha rilevato uno tra i palazzi più grandi del centro storico. Qui sorgeranno più di 20 posti letto, segno che la nostra Besano è appetibile anche ad investitori che arrivano da “lontano”.

Vuoi lasciare un commento? | 0

Lascia un commento

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127