EMERGENZA CORONAVIRUS (ATTIVITÀ APERTE E CONSEGNE A DOMICILIO ) Segnalaci la tua attività Guarda tutte le attività
Besozzo | 22 Agosto 2021

Fiumi e laghi più puliti grazie alla pesca magnetica. A praticarla è un 47enne di Besozzo

Marco Gaspari ha raccontato il suo particolare hobby attraverso le pagine de La Prealpina. Le sue avventure sono seguite da due comunità di utenti sui social

Tempo medio di lettura: 2 minuti

Una passione fuori dal comune e una predisposizione all’avventura. Sono questi gli elementi che combinati tra loro rendono il modo con cui Marco Gaspari – quarantasettenne di Besozzo – trascorre parte del proprio tempolibero, una storia interessante da condividere.

L’ha raccontata il quotidiano La Prealpina, in un articolo a cura di Marco Fornara incentrato su uno dei principali hobby dell’uomo, la pesca magnetica, attività molto diffusa negli Stati Uniti e spesso al centro delle cronache per via dei curiosi – e a volte preziosi – ritrovamenti.

Qui, sul territorio dell’alto Varesotto, Marco utilizza la tecnica per ripulire fiumi e laghi, prelevando dalle acque i materiali metallici che giacciono depositati sui fondali. Il quarantasettenne ha poi un’altra passione legata al verde e alla natura: le escursioni tra luoghi caratteristici e rivestiti di importanza storica, come ad esempio le gallerie della Linea Cadorna.

Le sue uscite – sia quelle dedicate alla pesca che alle camminate – vengono riassunte con dei filmati che Marco pubblica poi in rete per rimanere in contatto con le sue due communities di riferimento (Facebook e Youtube), dove è seguito da quasi duemila persone.

“Per i suoi interventi – si legge sulle pagine de La Prealpina – Gaspari utilizza ‘una corda lunga trenta metri. Al posto delle esche per i pesci, c’è una calamita che costa tra i settanta e gli ottanta euro e che può raggiungere il peso di un chilo. La mia è di cinque etti, e a essa si attaccano solo pezzi di ferro sino a un massimo di duecento chili’. Questa tecnica ha consentito di recuperare recentemente, nel lago di Varese, davanti a Gavirate, monete, orecchini, un tondino, tantissimi tappi di spumante, di bottiglie di birra, di succo alla pera, di un vasetto di marmellata”, e poi ancora “una chiave, una bacchetta, un chiodo, un cucchiaio e una collana”.

Vuoi lasciare un commento? | 0

Lascia un commento

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127