EMERGENZA CORONAVIRUS (ATTIVITÀ APERTE E CONSEGNE A DOMICILIO ) Segnalaci la tua attività Guarda tutte le attività
Canton Ticino | 28 Luglio 2021

Maltempo: anche in Ticino frane, allagamenti e disagi

Più di 300 gli interventi gestiti dalla Centrale Comune d'Allarme in 36 ore. Chiuse fino a domani alcune strade cantonali nel Luganese, mentre A2 parzialmente riaperta

Tempo medio di lettura: 2 minuti

Il maltempo di oggi, mercoledì 28 luglio, non ha risparmiato nemmeno il territorio elvetico, in particolare quello del Canton Ticino.

Nella zona del Luganese resteranno chiuse al traffico, fino a domani, le strade cantonali tra Paradiso e Melide (Forca di San Martino) e tra Castagnola e la dogana di Gandria.

Per quanto riguarda l’A2 a Bissone, colpita dalla frana di questa mattina, la carreggiata nord-sud vede il traffico circolare bidirezionalmente verso sud e verso nord. Sulla carreggiata sud-nord continuano nel frattempo i lavori di sgombero del materiale franato. Una possibile riapertura, se le condizioni meteo lo consentiranno, è prevista entro sera. Si segnala al momento uno smottamento nelle vicinanze della dogana di Brissago.

In totale dalla Centrale Comune d’Allarme (CECAL) sono stati gestiti, nelle ultime 36 ore, in Ticino, 243 eventi (210 legati a danni della natura) relativi ad interventi 118. Per quanto riguarda invece il 117, gli eventi gestiti sono stati 175, la metà dei quali per danni della natura. Nella fase maggiormente intensa, dalle 7 alle 11.30, sono stati gestiti 70 eventi (63 per intemperie, 6 per eventi naturali e 1 per inquinamento) con 113 chiamate ricevute per quanto riguarda il 118. Sono state per contro 144 le chiamate ricevute dal 117 (21 avvenimenti totali di cui 12 legati ad intemperie). Particolarmente impegnati anche i Corpi pompieri, le polizie comunali nonché gli addetti dell’Ufficio dei pericoli naturali e dell’Unità territoriale 4.

La circostanza che proprio in questi giorni fosse in pieno svolgimento alla Base aerea di Magadino un corso specialistico Capi Impiego Elicotteri a livello svizzero, organizzato dalla Polizia cantonale ticinese in collaborazione con l’Esercito, ha permesso di sfruttare un elicottero EC-635 (messo a disposizione per questa specifica formazione dalle Forze aeree) per dei voli di ricognizione. L’utilizzo dell’elicottero ha così permesso di avere una visione privilegiata sulle zone maggiormente colpite dal maltempo, così da poter ulteriormente coordinare gli interventi di messa in sicurezza.

In virtù degli attuali seri problemi legati alla circolazione stradale e dal momento che vi è ancora pericolo per quanto riguarda l’ingrossamento repentino dei fiumi e possibili franamenti, la Polizia cantonale invita la popolazione a continuare a prestare attenzione e in particolare:
– limitare gli spostamenti allo stretto necessario nelle zone colpite dalle precipitazioni;
– non sostare sui ponti o in prossimità dei corsi d’acqua;
– evitare di avvicinarsi alle zone a rischio di scoscendimenti e di caduta di alberi.
– evitare di contattare la Centrale Comune d’Allarme (CECAL) al 117 per eventi non urgenti.

Vuoi lasciare un commento? | 0

Lascia un commento

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127